Sony: niente errori con PS4, non bisogna uscire in ritardo

Jim Ryan, boss di Playstation Europe, ha dichiarato che sarebbe inopportuno arrivare in ritardo con PS4. Sony vorrebbe evitare di ripetere l'errore di PS3, che ha concesso un discreto vantaggio alla concorrenza uscendo diversi mesi dopo rispetto ai rivali diretti. Tuttavia, Ryan difende la strategia...

Sony ha dichiarato che con PS4 non vorrebbe ripetere lo stesso errore della console precedente, che arrivando tardi sul mercato ha dato un considerevole vantaggio ai prodotti rivali. Le parole sono di Jim Ryan, boss di Playstation Europe, intervistato dai microfoni di Eurogamer durante un evento dedicato a Playstation Vita.

"Credo che sia inopportuno arrivare tardi con la prossima Playstation rispetto alla concorrenza", sostiene Ryan che nonostante tutto difende la strategia di Sony, spiegando che c'è ancora molto lavoro incompiuto su PS3.

Jim Ryan, il nuovo presidente di Playstation Europe

Dichiarazioni che dovrebbero rassicurare l'industria, che legge nel silenzio di Sony sui nuovi progetti un sostanziale ritardo rispetto alla concorrenza. Con Wii U in uscita l'anno prossimo e le numerose indiscrezioni di una possibile presentazione della nuova Xbox nel 2012, sono in molti a pensare che Sony potrebbe arrivare ancora una volta dopo i diretti rivali. Una situazione tutt'altro che rosea, considerando la delicata posizione finanziaria dell'azienda giapponese.

Ryan prende in esame la storia di PS2, regina della scorsa generazione, spiegando che la maggior parte delle vendite sono arrivate nel periodo finale di vita della console, quando costava meno.

"Playstation 2 ha superato il traguardo di 150 milioni di unità in tutto il mondo, e una grossa fetta di queste vendite l'abbiamo ottenuta quando la console ha raggiunto un prezzo pari a 120 sterline (poco meno di 140 euro), o addirittura minore", dichiara Ryan. "Con PS3 abbiamo raggiunto il prezzo di 199 sterline nel Regno Unito, quindi c'è ancora una fascia considerevole di mercato da esplorare".

Il discorso di Ryan non fa una piega, è naturale che le console siano più appetibili a un prezzo basso. Il paragone con PS2 però non è dei più coerenti, considerando che il successo della console di Sony è dovuto anche al fatto di essere uscita un anno e mezzo prima della risposta di Microsoft e Nintendo, senza dimenticarsi lo sfortunato destino del Dreamcast di Sega. Un vantaggio che ha permesso di concentrare gli sforzi degli sviluppatori, e il successo di una console deve passare necessariamente dai giochi.

La situazione in questa generazione è completamente diversa, Sony è arrivata dopo con PS3 e sta recuperando lentamente su Xbox 360, ma la console di Microsoft è riuscita a conquistare una folta schiera di appassionati. Nel frattempo la Wii ha sbaragliato completamente la concorrenza, entrando nelle case di persone che non sapevano nemmeno tenere in mano un controller e inventandosi di fatto un nuovo mercato.

Sicuramente ci sono ancora margini di crescita per PS3, ma le stesse possibilità le ha anche Xbox 360, mentre Wii si avvia alla conclusione del suo ciclo vitale affidandosi alla quantità enorme di console in circolazione e sparando le sue ultime preziose cartucce, come Zelda Skyward Sword.

Zelda Skyward Sword, uno dei giochi più belli attualmente disponibili per Nintendo Wii - Clicca per ingrandire

Arrivare in ritardo con la prossima Playstation potrebbe far sì che la storia si ripeta, a meno che Nintendo e Microsoft non facciano clamorosi autogol, e sicuramente Sony vorrà evitare di essere il fanalino di coda anche della prossima generazione di console. Al momento le uniche indiscrezioni parlano di uno studio interno che ha cessato di lavorare su PS3 per concentrarsi sui giochi e sulla tecnologia grafica della nuova Playstation (La nuova Xbox nel 2012, Electronic Arts e Ubisoft al lavoro).

Se Microsoft dovesse davvero annunciare la prossima Xbox al CES di Las Vegas (Nuova Xbox: CPU a 6 core, doppia GPU AMD e 2 GB di RAM?) allora Sony dovrà rispondere con decisione. La torta è troppo golosa e tutti vogliono la fetta più grossa.