Twitter addio al microblogging: limite a 10.000 caratteri?

È la fine del micro-blogging? Alcune fonti hanno riportato che Twitter, il più famoso social di questo tipo, sarebbe valutando la possibilità di innalzare il limite dei caratteri dei propri messaggi dalla storia soglia di 140 caratteri a 10.000, per attirare nuovi utenti.

Addio micro-blogging, presto Twitter potrebbe diventare un social network come tanti altri, o quasi, rinunciando a una delle sue più importanti caratteristiche, che ne hanno definito la personalità e fatto la storia del Web recente, il limite a 140 caratteri per i messaggi. 

Negli ultimi tempi infatti come tutti sanno il sito cinguettante è in forte crisi e il CEO Jack Dorsey è in cerca di soluzioni capaci di rilanciare il social attirando nuovi utenti, possibilmente però senza allontanare quelli storici, che hanno scelto Twitter proprio per la sua specificità. 

jack dorsey hands twitter big

Come fare? L'idea è i introdurre nuove funzioni senza stravolgere la natura del sito. Per questo al fonte stessa della notizia è possibilista e o da nulla per scontato. La nuova funzione potrebbe essere implementata già durante il primo trimestre 2016 ma non c'è una data precisa, inoltre il limite potrebbe variare rispetto a quello indicato attualmente. L'idea infatti è di superare la limitazione dei 140 caratteri, di quanto è ancora da decidere, forse la nuova soglia sarà 10.000 caratteri. 

Infine è importate non stravolgere lo stream a cui sono abituati gli utenti, per cui anche i nuovi messaggi visivamente apparirebbero in una casella da 140 caratteri, magari con un comando che suggerisce che il messaggio continua e che è necessario espandere la casella per leggerlo tutto come accade anche su Facebook ad esempio). 

Cattura JPG

Nel recente passato infatti a quanto pare i tentativi di aumentare i contenuti o renderli più ricchi hanno diminuito il tempo che gli utenti trascorrevano sul social e questo non è un paradosso, perché se ogni messaggio è più lungo e più ricco richiede maggior tempo per essere fruito e quindi l'utente ne consumerà di meno, abbreviando la propria permanenza, cosa che ovviamente Twitter vuole assolutamente evitare. 

Insomma, è necessario introdurre novità, ma con molto equilibrio, ciò che è certo è che a quanto pare niente è per sempre, tantomeno sul Web e anche le tradizioni che sembrano immutabili (ma esistono solo da una manciata di anni) prima o poi potrebbero essere stravolte.