Virgin Galactic svela il nuovo aereo per turisti spaziali

Virgin Galactic ha annunciato ufficialmente SpaceShip Two, il veicolo per turismo spaziale. Fra i fan anche Stephen Hawking.

Virgin Galactic ha presentato ufficialmente il prossimo SpaceShip Two, il veicolo per voli suborbitali che dovrebbe in futuro svolgere missioni di turismo spaziale. Il nuovo veicolo è il successore di quello distrutto in un incidente verificatosi in fase di test il 31 ottobre 2014, costando la vita al co-pilota Michael Alsbury e ferendo gravemente il pilota Peter Siebold.

virgin galactic new spaceshiptwo gleaming

Eric Stallmer, presidente della Commercial Spaceflight Federation, ha detto nel corso della presentazione che "è una grande cosa per l'industria, perché mostra che l'azienda è capace di riprendersi […] e che l'annuncio è "un passo verso la democratizzazione dello Spazio".

Il nuovo veicolo, concepito facendo tesoro dei problemi che hanno causato l'incidente del primo velivolo, ospiterà sei passeggeri più due piloti. È stato progettato per raggiungere un'altitudine di circa 15.000 metri collegato al WhiteKnightTwo. A quel punto l'aereo si stacca e accende il suo motore a razzo per raggiungere lo spazio suborbitale. Da qui i passeggeri potranno vedere la curvatura della Terra in contrasto con il nero dello Spazio e sperimenteranno l'esperienza di un paio di minuti di assenza di peso.

I biglietti costeranno 250.000 dollari e ci sono già centinaia di persone che hanno prenotato un posto a sedere. Al momento non è ancora chiaro quando il nuovo SpaceShipTwo inizierà i voli commerciali. Prima di tutto dovrà affrontare una serie di voli di prova.

Ricordiamo che fra i fan del progetto di Virgin Galactic c'è Stephen Hawking, che non ha partecipato di persona all'evento, ma ha registrato un messaggio di quattro minuti che aveva preparato per l'occasione. "Stiamo entrando in una nuova era spaziale" ha detto il celebre fisico, "lo Spazio ha già portato a una cooperazione fra le Nazioni in un modo che si può solo invidiare sulla Terra".

Il turismo spaziale, ha proseguito Hawking "porterà sempre più passeggeri nello Spazio, consentirà a loro e a noi di vedere la Terra con una nuova prospettiva e contribuirà a dare un nuovo significato al nostro posto sulla Terra e alle nostre responsabilità. Inoltre ci aiuterà a riconoscere il nostro futuro nel cosmo - che è dove credo che sarà il nostro destino ultimo".