Vulnerabilità in iOS, Apple prepara il correttivo

Apple chiuderà le falle che hanno permesso il jailbreak dell'iPhone 4. Sotto accusa la gestione dei PDF caricati attraverso Safari. Nessuna data relativa alla disponibilità dell'aggiornamento. Nel frattempo due applicazioni Cydia rimuovono il blocco operatore e permettono l'uso di Facetime anche con...

Apple ha dichiarato che risolverà il bug scoperto su iOS dopo l'uscita dell'ultimo jailbreak (Ecco il jailbreak per iPhone4). La falla interessa la gestione dei documenti PDF caricati attraverso il browser Safari.

I documenti PDF e Safari, combinazione pericolosa

Le vulnerabilità risiedono nel modo in cui Safari analizza i file PDF, abilitando il codice a entrare in una sandbox protettiva. Successivamente un altro bug permette al codice di uscire dalla sandbox, permettendo di ottenere i privilegi di amministratore sul dispositivo.

Un portavoce di Apple ha dichiarato: "siamo consapevoli di questo problema e abbiamo già sviluppato la soluzione, che sarà disponibile ai clienti nel prossimo aggiornamento software". Nessuna informazione indica quando sarà possibile scaricarlo.

Steve Jobs indica dov'è l'uscita ai possessori di un iPhone 4 con jailbreak

Nel frattempo il Dev Team, responsabile della creazione del nuovo jailbreak, ha rilasciato ultrasn0w, un'applicazione disponibile sull'app store non ufficiale Cydia. Questo software permette di rimuovere il blocco operatore e di usare l'iPhone 4 con qualsiasi gestore telefonico. L'operazione non ha molto senso per il mercato italiano, dato che nel nostro paese gli smartphone di Apple non sono vincolati a un singolo operatore, ma è una funzione molto attesa dagli utenti di altri paesi.

Per gli amanti delle videochiamate è disponibile un'ulteriore applicazione chiamata My3G, sempre disponibile grazie a Cydia. Grazie a questo programma si riesce a far credere all'iPhone di usare una connessione wireless al posto di una 3G, con il risultato di poter usare Facetime ovunque. Ricordatevi però di tenere sotto controllo le soglie del piano tariffario, dato che per una videochiamata di 5 minuti su rete 3G sono necessari circa 15 MB di dati, più o meno 3 MB al minuto.