X-Files: la verità è ancora là fuori

Abbiamo dato un'occhiata alla nuova versione di X-Files, miniserie in sei episodi che riprende il prodotto culto degli anni '90. Una ripartenza senza fuochi artificiali ma incoraggiante, che può piacere tanto ai fan di vecchia data quanto al pubblico più giovane.

Il 2016 è un anno cruciale per la serialità televisiva, non tanto per le novità o l'uso di licenze letterarie importanti, quanto invece per il ritorno di molte produzioni già parte della cultura pop, tanto sono famosi. Insieme a Twin Peaks, la serie più attesa è chiaramente X-Files. È stato un ritorno riuscito?

Torniamo indietro di 14 anni, al controverso finale del 2002 dove l'agente FBI Fox Mulder (David Duchovny), al termine della sua lunga epopea alla ricerca degli alieni, racconta tutta la verità direttamente a noi spettatori. Lo show e il creatore Chris Carter erano ben consci che il tempo degli X-Files era ormai finito, specie dopo gli avvenimenti reali dell'11 Settembre. La realtà e la società di inizio millennio stavano per cambiare radicalmente, e iniziava l'era del sospetto verso lo stesso governo statunitense, divenuto poi certezza con lo scandalo Wikileaks. Anche se le teorie complottistiche abbondano sulla Rete, forse avevamo davvero bisogno che la fantascienza di X-Files tornasse a spiegarci i retroscena degli ultimi anni.

x files 2016

Mulder e l'ex partner Dana Scully (Gillian Anderson) vivono separati la loro vita e hanno voltato pagina, il primo come recluso in campagna e complottista su Internet, la seconda come chirurga in un ospedale pubblico. Un giorno sono contattati da un misterioso magnate che ha continuato il loro lavoro e che ha bisogno del loro aiuto per provare che dietro i rapimenti alieni e l'insabbiamento degli X-Files ci sia lo stesso governo, il quale sfrutta tecnologie aliene rinvenute nel celebre incidente di Roswell del '47 per conquistare lentamente ma inesorabilmente il mondo.

Rilanciare una serie a distanza di anni è sempre rischioso, soprattutto per i grandi sviluppi e cambiamenti sociali, economici e tecnologici che hanno reso i primi sedici anni del ventunesimo secolo fra i più movimentati in assoluto. X-Files aveva bisogno di svecchiarsi e adattarsi a un nuovo contesto, dove l'uomo è di nuovo il fulcro dell'azione e del mistero, tanto da aver piegato l'extraterrestre al suo volere. La retcon (tecnica narrativa nella quale si introducono nuovi elementi che riscrivono gli eventi passati) utilizzata in questo primo episodio dona nuova linfa vitale al prodotto, aprendo un nuovo filone che si spera possa essere sfruttato adeguatamente.

X Files - Stagione 01 X Files - Stagione 01
  
X Files - Stagione 02 X Files - Stagione 02
  
X Files - Stagione 03 X Files - Stagione 03
  

Ci sono altre modifiche nel DNA della serie: vista la maturità dei protagonisti, a partire dal secondo episodio si è deciso di approfondire la loro psicologia, riaprendo una importante storyline lasciata in sospeso nella vecchia serie. Questo approccio permette uno sviluppo più tridimensionale non solo dei singoli, ma anche delle dinamiche interpersonali. A distanza di anni la coppia funziona ancora bene - con Mulder impulsivo e Scully più razionale - ma già presenta differenze nette col passato che fanno presagire sviluppi e cambiamenti futuri.

Per ora questo revival di 6 episodi è trasmesso sul canale FOX a due giorni di distanza dall'uscita negli USA. Le potenzialità del prodotto sono moltissime, grazie alla possibile riscrittura della mitologia della serie. In attesa degli sviluppi, adesso possiamo solo dire che gli X-Files sono ufficialmente riaperti, e aggiungo che personalmente sto tornando a credere.


Le puntate precedenti della rubrica sulle Serie TV :

ITASA, da dove vengono i Sub_ITA? 

Mr. Robot, il Fight Club degli hacker

Daredevil, Marvel in TV è meglio che al cinema