100 milioni di euro per fare programmazione alle elementari

L'Italia ha bisogno di ammodernarsi sotto diversi punti di vista, e tra questi la formazione scolastica è sicuramente uno dei più importanti. In particolare, gli italiani si sono più volte dimostrati carenti nelle competenze digitali, ed ecco che il ministro Stefania Giannini ha annunciato uno stanziamento di "100 milioni di euro per il rafforzamento delle competenze digitali degli studenti".

insegnanti italiani
Stefania Giannini

Il finanziamento è mirato in particolar modo alla

programmazione, affinché ogni studente impari a programmare almeno a livello basilare. Il ministro vuole che ogni studente faccia "60 ore l'anno di coding" già alle primarie, cioè le elementari.

Leggi anche Scuola Digitale, tre giorni di eventi alla Reggia di Caserta

Così facendo dovremmo riuscire a formare una generazione più preparata a vivere nel mondo moderno. Lo studio della programmazione, tra l'altro, non va visto solo come strumento per diventare sviluppatori. Serve anche, soprattutto per formare un tipo di pensiero logico e per creare un approccio mentale al problem solving; qualità che saranno sempre più importanti.

Leggi anche Scuola digitale, anche in Italia abbiamo capito come farla

Ecco perché 65 di quei cento milioni saranno indirizzati al primo ciclo (elementari e medie), con i restanti 35 milioni destinati alle superiori.

Leggi anche Scuola Italiana Digitale: hardware, Rete, soldi per la formazione

L'iniziativa si inserisce nel progetto noto come Piano Nazionale Scuola Digitale, che conta su un investimento di circa un miliardo di euro, di cui 500 milioni sono stati già spesi. Non è molto considerato il gran numero di azioni che sarebbe necessario per mettere la scuola italiana al passo con i tempi, ma ha una sua potenziale utilità.

Pubblicità

AREE TEMATICHE