Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
13

12 progetti Google poco noti ma molto interessanti

Da diverso tempo Google applica una politica chiamata del "20%", che lascia all'interno della settimana lavorativa un giorno libero ai propri dipendenti, da destinare alla sperimentazione pura. Questo ha portato spesso alla realizzazione di progetti interessanti. Eccone 12 tra i meno conosciuti.

12 progetti Google poco noti ma molto interessanti

La parola Google ormai è sinonimo di molte cose. Ovviamente la prima cosa che viene in mente è l'omonimo motore di ricerca, ma ci sono tanti servizi che si usano quotidianamente, come Gmail, Google Maps, Google Drive.

Come fa Google a raggiungere questi risultati? Semplice, tramite la sperimentazione. Sperimentazione di idee e soluzioni che però per emergere va in qualche modo favorita. In ambito lavorativo però ci sono programmi da rispettare, scadenze e obiettivi da raggiungere, tutte cose che con la sperimentazione pura spesso non vanno d'accordo.

google sign

Da diverso tempo quindi Google ha deciso di lasciare ai propri dipendenti un giorno libero a settimana, nel quale poter provare a realizzare quello che hanno in testa, senza doversi preoccupare appunto del fatto che possa servire o meno effettivamente a qualcosa, che possa portare vantaggi concreti all'azienda etc.

In questo modo, nel tempo, sono venuti fuori diversi progetti. Google News, GMail e AdSense sono nati proprio così. Oggi quindi abbiamo deciso di parlarvi di altri 12 progetti molto meno noti ma non per questo meno interessanti e soprattutto validi anche dal punto di vista educativo.

Google Trends Visualizer è, come spiega il nome stesso, la versione visuale di Google Trends, che trasforma cioè in maniera grafica e accattivante il flusso delle ricerche effettuate, raccolte su Google Trends quasi in tempo reale.

L'utente può vedere quali siano i termini maggiormente ricercati nel mondo intero oppure filtrandoli nazione per nazione. Inoltre un comando posto in alto a sinistra consente anche di visualizzare un unico box a tutta pagina o più box assieme, fino a un massimo di 25.

google trends visualizer JPG

Dal 2014 inoltre Google Trends Visualizer è anche disponibile sotto forma di simpatico screensaver, sia per Mac che per Windows.

Nel primo caso, dopo averlo scaricato è necessario fare doppio click sul file aprendo preferenze di sistema, cercare la voce screen saver time e cliccare su "opzioni screen saver".

Per chi utilizza Windows invece, il file va spostato nella cartella Windows/System32, quindi nelle opzioni dello screensaver va impostato "web page screensaver" e inserito il seguente link: http://www.google.com/trends/hottrends/visualize?nrow=3&ncol=5&pn=p9#sthash.0o88LLzF.dpuf.

Continua a pagina 2
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Tecnologia?
Iscriviti alla newsletter!