Hot topics:
7 minuti

1984, le mille incarnazioni pop di un successo senza tempo

Il recente boom di vendite di 1984 di Orwell ha riportato alla ribalta quello che è più di un libro: una visione capace di iscriversi profondamente nella cultura pop degli ultimi 60 anni. Ecco una piccola carrellata di esempi, dal cinema alla musica, passando per i fumetti.

1984, le mille incarnazioni pop di un successo senza tempo

Pubblicato nel 1949, 1984 è tornato di recente alla ribalta, grazie al recente boom di vendite negli USA. Se però siete tra quanti ancora non l'hanno letto non preoccupatevi, seguendo questa nostra carrellata potreste scoprire di saperne più di quanto pensate, perché il libro di Orwell è un classico che ha influenzato molto il pensiero contemporaneo, dalla letteratura alla musica, dal cinema ai videogiochi

, passando per il famoso spot pubblicitario della Apple.

maxresdefault

Stamattina la mia collega Elena Re Garbagnati ne ha analizzato benissimo i motivi del rinnovato interesse, che noi quindi non discuteremo oltre. Il nostro intento qui è diverso ed è quello di proporvi una veloce cavalcata, nient'affatto esaustiva ma comunque ampia, attraverso la cultura pop, per mostrarvi quanto in realtà il libro abbia avuto influenza su altri media e altri pensatori e quanto li abbia impregnati della sua distopia pessimista, ampiamente giustificata dal mondo che sta sotto gli occhi di tutti ma che molti, proprio come i protagonisti del libro, non vedono o non vogliono vedere.

1984 nella musica

david bowie diamond dogs review ppcorn

Partiamo dalla musica, forse l'ambito che potrebbe sembrare più lontano da un romanzo, ma che invece ne conserva molte tracce, nel vero senso della parola. Una delle frasi più celebri e significative del libro (Who controls the past now controls the future, who controls the present now controls the past) ad esempio è citata in diversi brani, ma il più famoso è sicuramente Testify dei Rage Against The Machine, contenuto nel loro album The Battle Of Los Angeles del 1999.

Altre due tracce dedicate al libro di Orwell si trovano poi anche nell'LP Diamond Dogs, pubblicato da David Bowie nel 1974, 1984 e Big Brother. Meno noto è invece il fatto che si tratta di ciò che restò di un altro progetto, un intero musical dedicato al racconto, che però non fu mai realizzato perché la moglie dello scrittore, all'epoca vedova, non volle cedere i diritti dell'opera.  Se però il musical non si è mai fatto, esiste una trasposizione operistica di 1984 con musiche del Maestro Lorin Maazel, rappresentata alla Scala di Milano nel 2008.

1984 nel cinema

rehost%2F2016%2F11%2F4%2Fb19cc29c d231 48e9 9cc2 8f450b76b48d

Questo ovviamente è l'ambito più conosciuto ma che riserva comunque qualche chicca per i meno appassionati. Quando si parla di adattamento del romanzo infatti quasi tutti pensano al possente 1984 di Michael Radford, uscito nello stesso anno e filologicamente girato nei mesi e nei luoghi indicati dal romanzo. Meno conosciuto è invece Nel 2000 non sorge il sole, film del 1956 del regista britannico Michael Anderson, da molti considerato la miglior trasposizione mai realizzata fino ad ora, di cui vi abbiamo parlato più estesamente lo scorso anno.

Ma se i film che hanno tentato di mettere direttamente in scena il libro sono solo due, molti di più sono quelli che ne sono rimasti influenzati o che lo citano in qualche modo. Oltre ovviamente al capolavoro di Terry Gilliam, Brazil, evidentemente ispirato al romanzo (e che il regista non a caso avrebbe voluto chiamare 1984 ½, in un doppio omaggio al libro omonimo e a 8½ di Fellini), ci piace ricordare anche un altro piccolo cult meno noto. Si tratta di THX 1138, esordio registico di George Lucas, futuro papà di Star Wars, meglio conosciuto in Italia come L'uomo che fuggì dal futuro.

1984 nei videogiochi

Welcome To City 17 half life 11381566 1920 1080

In realtà un gioco tratto direttamente da 1984 non c'è, tuttavia chi 13 anni fa ha avuto modo di giocare al classico Half Life 2 avrà notato le tante citazioni presenti, a partire dalle tute azzurre numerate indossate dagli abitanti di City 17, fino alla pervasività degli schermi, presenti sia nelle abitazioni che nei luoghi pubblici, da cui il leader Wallace Breen si rivolge ai cittadini per indottrinarli costantemente. Una citazione però è presente anche nel recente survival horror indie We Happy Few. Ambientato in un'Inghilterra distopica che ha perso la guerra contro la Germania ed è quindi sotto un regime autoritario, gli abitanti di un'immaginaria cittadina sono obbligati ad assumere regolarmente una droga chiamata Joy (gioia) che li rende al tempo stesso felici e assolutamente obbedienti. Il protagonista del gioco però, come il Winston di 1984, rifiuta la pillola e tenta di nascondersi tra la popolazione.

1984 nella letteratura

1430926768 cover new 905

Quello del romanzo di Orwell con la letteratura è un rapporto più complesso, perché se è vero che ha ispirato molti altri romanzi è anche vero che ha mutuato qualcosa da chi è venuto prima, come del resto è inevitabile in ogni campo artistico.

Prima di 1984 infatti c'è il forse meno noto ma altrettanto valido (secondo alcuni molto più valido) Il Mondo Nuovo di Aldous Huxley, che di Orwell fu anche insegnante. Ma se questo è il testo verso il quale il debito è più evidente, come ammesso anche dallo stesso scrittore, va ricordato anche l'ancor meno conosciuto romanzo Il padrone del mondo, scritto nel 1907 da Robert Hugh Benson, che presenta diversi punti di contatto con 1984, soprattutto per quanto riguarda la rappresentazione di un mondo diviso in tre super stati.

1984 ha poi a sua volta certamente influenzato Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, mentre Terre desolate, libro di Stephen King parte della saga de La Torre Nera, è pieno di citazioni dirette e indirette del romanzo di Orwell, così come accade in 1Q84 del giapponese Murakami Haruki.

1984 negli altri media

V for Vendetta comics

Passando alla TV la lista si allungherebbe a dismisura, tante sono le citazioni di 1984. Noi vogliamo ricordare solo i tre episodi a nostro avviso più salienti: l'adattamento proposto nel 1954 dalla BBC, che rese possibile, due anni dopo, la realizzazione del film citato più su. La nascita, nel 1997, del format televisivo Big Brother, da noi conosciuto come Grande Fratello, uno dei primi reality show del mondo, che in un certo senso trasforma in spettacolo l'orribile sistema di controllo descritto da Orwell nel suo libro, ma che forse è semplicemente frutto della stessa società pervasa dai media e dal voyeurismo. E infine l'immancabile Doctor Who, che quando si tratta di rimasticare cultura pop è insostituibile. Nella stagione 2005 infatti l'episodio in due parti Padroni dell'universo attua un interessante cortocircuito tra il romanzo e la trasmissione TV, descrivendo un mondo in cui le persone sono controllate proprio attraverso le uniche trasmissioni televisive disponibili, ossia reality e giochi.

Per quanto riguarda la pubblicità invece citare lo spot della Apple sarebbe troppo facile. È invece più interessante ricordare che, nello stesso anno, in Italia la Olivetti fece affiggere una serie di manifesti pubblicitari che recitavano: "Il 1984 non è l'anno del grande fratello ma del piccolo amico", riferendosi al buon successo che stava incontrando il suo M24.

Come dimenticare infine, parlando di fumetti, V per Vendetta di Alan Moore e David Lloyd, che dipinge una Gran Bretagna molto simile alla società descritta da Orwell, con tanto di dittatore, Adam Susan, che controlla i propri cittadini tramite telecamere e intercettazioni ambientali.

1984 non è forse un capolavoro nel senso stretto del termine, da un punto di vista meramente letterario, ma sicuramente rappresenta un documento storico e culturale di grandissima importanza per la sua capacità e lucidità nell'elaborare una visione profetica del futuro partendo dalla disillusione di inizio secolo verso il positivismo e le sorti della società umana. Una visione evidentemente ancora valida, che molti riconoscono all'opera attorno a sé e che spiega il continuo successo del libro e la sua influenza sulla cultura.

1984 1984
  
The Battle Of Los Angeles The Battle Of Los Angeles
  
Brazil Brazil
  
Fahrenheit 451 Fahrenheit 451
  
V per vendetta V per vendetta
  
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Cultura?
Iscriviti alla newsletter!