Hot topics:
12 minuti

50 anni fa Isaac Asimov era all'Expo 2015 di Milano

50 anni fa Isaac Asimov scrisse un articolo nel quale prevedeva quali sarebbero state le tecnologie più avanzate del 2014.

50 anni fa Isaac Asimov era all'Expo 2015 di Milano

Isaac Asimov ha immaginato il futuro in molti modi nei suoi racconti, ed è tra gli autori di fantascienza più amati. Per molti è un maestro impareggiabile, ma non è solo un autore di fiction: lo scrittore russo infatti ha provato anche a immaginare la realtà futura, come nell'articolo che pubblicò nel 1964 sul New York Times, "Visita alla Fiera Mondiale del 2014". 

Asimov cercò d'immaginare come sarebbe stata quella che in effetti è l'Expo 2015 di Milano, con un solo anno di scarto. 50 anni dopo, è tempo di vedere quali previsioni si sono realizzate e per quali dovremo aspettare ancora. 

"I pannelli elettroluminescenti saranno di uso comune". Asimov immaginava che pareti e soffitti emanassero luce al posto della lampadine. Questi sistemi oggi esistono in effetti, ma li troviamo solo in alcuni ambienti e non sono certo all'ordine del giorno.

Le finestre poi, secondo Asimov, sarebbero state tutte polarizzate, ma non solo: lo scrittore immaginava vetri fotosensibili capaci di scurirsi automaticamente per bloccare la luce del sole, se eccessiva. Questo tipo di vetro oggi esiste, ma non lo troviamo certo nelle nostre case. Secondo Asimov inoltre le nostre abitazioni avrebbero goduto di temperatura controllata e aria purificata più o meno costantemente.

Montreal sotteranea

L'inventore delle tre leggi della robotica immaginava che nel 2014 avremmo avuto vere e proprie città sotterranee, luminose, arieggiate e ricche di vegetazione. Non ci abbiamo praticamente nemmeno provato, e forse è meglio così. 

Continua a pagina 2
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Cinema?
Iscriviti alla newsletter!