Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
2

Addio al padre di Debian Ian Murdock

Ian Murdock aveva dato vita al progetto Debian ed era da anni un punto di riferimento nel mondo del software open source. Il programmatore, noto e rispettato, è deceduto lunedì sera in circostanze ancora da chiarire.

Addio al padre di Debian Ian Murdock

Lunedì sera è venuto a mancare Ian Murdock, 42enne creatore dell'apprezzata distribuzione GNU/Linux Debian e fondatore del Debian Project. Ne ha dato l'annuncio Bel Golub di Docker, società per cui Murdock lavorava. Murdock aveva creato Debian nel 1993, e oggi questa distribuzione è ancora tra le più apprezzate, in particolare da quelli più vicini ai principi fondanti della filosofia open source.

Ian Murdock

Murdock aveva anche firmato un manifesto per definire i principi di Debian e del software open source in generale. Un testo che criticava lo scarso impegno con cui erano mantenute le altre distribuzioni, e anche come certe distribuzioni "commerciali" (o aspiranti tali) fossero troppo improntate al profitto.

Tre anni dopo, nel 1996, Murdock divenne CTO (Chief Technology Officer) della Linux Foundation, per poi passare a Sun nel 2003 con il ruolo di Vice Presidente per le piattaforme emergenti. Qui il suo lavoro contribuì alla nascita di OpenSolaris - sistema che fu abbandonato quando entrò in gioco Oracle. Murdock lasciò la società nello stesso momento.

C'è anche una certa aria di mistero sul decesso. A quanto pare Murdock aveva manifestato intenti suicidi nei giorni scorsi, con un post che ha colto molti di sorpresa. Sempre tramite Twitter però Ian Murdock ha anche raccontato di aver avuto un incontro violento con la polizia di San Francisco: gli agenti lo avrebbero arrestato per ubriachezza molesta, per poi maltrattarlo.

L'insieme degli elementi per alcuni sembra sospetto: Murdock denuncia maltrattamenti via Twitter, poi annuncia il proprio suicidio dicendo che ha "molte storie da raccontare" e poche ore dopo l'uomo è deceduto e l'account chiuso. Speriamo che con il tempo si faccia chiarezza sulla vicenda, e per ora chi volesse esprimere il proprio cordoglio può farlo scrivendo a in-memoriam-ian@debian.org

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!