Home Cinema

2012 in flessione per gli Smart TV, colpa degli OLED mancati

NPD DisplaySearch ha pubblicato alcune previsioni legate all'andamento del mercato degli Smart TV da qui al 2016: le conclusioni principali sono che le vendite nel 2013 saranno più o meno agli stessi livelli di quest'anno e che i TV OLED saranno meno diffusi di quanto si prevedesse. Buone notizie invece per i produttori di TV Ultra HD.

Secondo NPD DisplaySearch il 2012 si chiuderà con 237 milioni di Smart TV venduti in tutto il mondo, un valore che segna una flessione del 4 percento rispetto al 2011. Le vendite 2013 non dovrebbero discostarsi da quelle 2012, mentre dal 2014 in poi si prevede una nuova crescita, anche se sempre a tassi inferiori a quelli registrati sino al 2011. Tra il 2012 e il 2013 cambierà però la distribuzione dei tipi di Smart TV venduti, con una netta preminenza di pannelli LCD LED più di quanto non sia già ora.

Cambieranno anche le dinamiche legate alla grandezza dei pannelli. Una buona fetta di chi oggi ha un TV 32 pollici passerà a un modello con più di 40, il che porterà al declino (-2 percento) delle vendite dei TV con pannelli inferiori appunto ai 40 pollici. Il segmento 40-49" crescerà peraltro solo dell'1 percento mentre quello degli Smart TV con diagonale superiore a 50 pollici si incrementerà del 13 percento nel 2013.

Frenata imprevista invece per gli OLED TV, le cui vendite si fermeranno a 500 unità nel 2012 e circa 50 mila nel 2013, meno del previsto per i ritardi nella produzione di massa dei pannelli organici. A compensare parzialmente questa mancata esplosione saranno gli Smart TV Ultra HD (o 4K2K, come li definisce NPD DisplaySearch): circa 4 mila pezzi venduti nel 2012 e 154 mila nel 2013. Nel 2016 si prevede però la riconquista del trono da parte dei TV OLED, con una previsione di 9 milioni di unità vendite contro 5 milioni di TV 4K2K.