Criptovalute

Accessi più sicuri grazie a Ethereum Foundation e verifica decentralizzata dell’identità

La Ethereum Foundation (EF) e l’Ethereum Name Service (ENS) stanno sostenendo un sistema per l’accesso sicuro utilizzando Ethereum dalla società di software di identità decentralizzata Spruce. Il sistema di Spruce è stato selezionato dopo che EF ed ENS hanno presentato una richiesta di proposte a luglio incoraggiando gli sviluppatori e le società di software a proporre un pacchetto di accesso utilizzando Oauth, uno standard aperto per la delega di accesso.

Un annuncio del 13 settembre scorso afferma che l’azienda mira a dare agli utenti il controllo delle proprie identità online, offrendo un’alternativa alla consegna dei propri dati personali a Google, Apple e Facebook. Spruce osserva che l’ecosistema Ethereum “ha già decine di milioni di utenti di portafogli attivi mensili che firmano con le loro chiavi crittografiche per transazioni finanziarie, governance della comunità e altro ancora”, aggiungendo: “la sicurezza di questi portafogli è stata dimostrata attraverso miliardi di dollari di risorse digitali in gioco – non sicurezza teorica, ma test reali nella produzione. Questi portafogli sicuri possono essere utilizzati anche per accedere ai servizi Web2.”

“Standardizzando questo flusso di lavoro, milioni di utenti ethereum saranno in grado di utilizzare un’identità digitale che controllano completamente per accedere senza problemi al web”, ha affermato il team. Spruce ha aggiunto che ha già iniziato a fornire un sondaggio sulle best practice, la ricerca degli utenti, le bozze delle specifiche e l’implementazione di riferimento.

A luglio scorso Cointelegraph ha riferito che i pagamenti crittografici e la piattaforma di gestione delle identità Numio avevano sviluppato un’app che consente agli utenti di verificare la propria identità ai servizi web senza inviare alcuna informazione sensibile. Il sistema di Numio utilizza prove a conoscenza zero per verificare crittograficamente i dati.