Tom's Hardware Italia
Telco

ADUC: Multa Vodafone? Spiccioli, ha incassato 240 milioni

ADUC ha stimato che Vodafone Exclusive ha fruttato 240 milioni di euro all'azienda. La sanzione Antitrust da 1 milione di euro è di poco conto. Comunque l'operatore ci guadagna.

Aduc fa le pulci alla sanzione Antitrust che costringerà Vodafone a pagare 1 milione di euro per il servizio Vodafone Exclusive. Secondo le stime dell'associazione dei consumatori il noto operatore dall'introduzione della modifica contrattuale (+1,9 euro sui contratti) avrebbe incassato circa 240 milioni di euro. Risibile quindi la multa di 1 milione di euro comminata dal Garante.

"La denuncia all'Autorità l'avevamo presentata noi di Aduc lo scorso settembre e il gestore telefonico ha fino ad oggi incassato (considerando – in difetto – i loro 18 mln di utenti) 34 milioni e 200mila euro ogni mese, quindi, da settembre ad oggi ha già incassato quasi 240 milioni", si legge nella nota ufficiale dell'associazione.

euro

"Questo per dire che la multa dell'Antitrust, al momento non gli fa neanche il solletico e, tutto sommato (ricorsi o meno che faranno al Tar) quando la pagheranno ci avranno guadagnato ben 239 milioni di euro".

Ancora una volta il livello delle sanzioni ordinarie Antitrust sembrerebbe dimostrarsi inadeguato per la maturità raggiunta dal mercato TLC. "A questo punto chiunque farà richiesta di rimborso si vedrà riconosciuto il dovuto, ma il meccanismo per ottenere ragione è macchinoso e costoso, ben oltre gli 1,90 euro che ogni mese sono stati sottratti ai singoli utenti", prosegue l'ADUC. "Quanti lo faranno? Chi ad oggi, dietro nostro consiglio, lo ha fatto, ha avuto riconosciuta la ragione, dovendo in alcuni casi anche rivolgersi al Corecom: tempi, soldi, etc…. cioè scoraggiante visti gli importi in gioco".

Fermo restando il fatto che è pur sempre un provvedimento importante "perché fa capire ai vari gestori telefonici che eventuali nuove condotte simili non solo saranno punite, ma saranno inibite a monte", probabilmente valutando il trend degli ultimi anni non è abbastanza.

manager

In attesa anche del pronunciamento dell'Antitrust sul caso "TIM Prime", che partirà il primo aprile, ADUC si aspetta maggiore determinazione da parte del Garante.

"Chiediamo alla sede italiana di questa multinazionale britannica di rimborsare in automatico tutti gli utenti a cui ha affibbiato questi importi, dal primo giorno in cui ha cominciato fino all'odierna inibizione a continuare, così come previsto dalla pronuncia dell'Autorità, altrimenti metteremo tutte le nostre forze per lanciare una class action", conclude l'associazione.

Il problema però è che anche lo strumento della class action appare depotenziato e costoso. "Per questo motivo lanciano da subito una campagna di autofinanziamento, chiedendo a tutti i consumatori di darci una mano economicamente per partire con questa rivendicazione civile". "L'Aduc è un'associazione no-profit di volontariato che rifiuta tutte le forme di finanziamento pubblico , per questo – e per fortuna – non possiamo che agire in questo modo".