Home Cinema

Alta Definizione: chi, cosa, come, perché e quando?

Pagina 1: Alta Definizione: chi, cosa, come, perché e quando?

L’alta definizione è tra noi

Abbiamo aspettato per oltre dieci anni che l’HDTV prendesse piede, ma ora che questo standard sta entrando nella quotidianità, c’è molta confusione a riguardo. Se presi dall’euforia delle promesse deciderete di acquistare per Natale una nuova TV HD, pensate che questo basterà per gustare film e sport ad una definizione e qualità nettamente superiore a quanto una classica TV può offrirvi? Ecco qual è lo stato attuale della situazione.

Basi dell’HD

HD sta a indicare l’alta definizione; una risoluzione maggiore rispetto quella offerta dalla TV classica. L’HDTV si basa principalmente sui formati MPEG2 o MPEG4.
Confusamente, il termine HD copre un determinato range di risoluzioni; per ora un’immagine può figurare con una risoluzione verticale di 720 o 1080 linee nel formato 16:9, con una risoluzione in pixel risultante pari a 1280×720 e 1920×1080. Diversamente dalla TV standard, i pixel non sono allungati per costruire un’immagine in 16:9. Non vedrete il classico formato "letterbox", ad eccezione dei film extra-wide, come "Il Signore degli Anelli"; se invece guarderete dei contenuti HD prodotti nel vecchio formato 4:3, ai lati compariranno delle bande nere.

HD comprende anche l’insieme delle immagini interlacciate – il sistema utilizzato con i monitor CRT che compone le immagini utilizzando linee alternate – e il progressive scan, il sistema utilizzato dagli LCD e Plasma. Molti contenuti HD sono di tipo interlacciato, e per questo sono nate diverse discussioni riguardo le differenze qualitative tra un’immagine in 1080 interlacciato (1080i) e 1080 progressivo (1080p). Tutto ciò è complicato dal fatto che i contenuti interlacciati devono essere de-interlacciati per essere visualizzati su schermi progressivi; tuttavia, a meno che non disponiate di uno schermo molto grosso e di contenuti di buona qualità, non vedrete molta differenza tra i due standard. I contenuti 1080p saranno certamente migliori, ma data la necessità di un bandwidth molto elevato per la trasmissione di contenuti in questo formato, al momento la diffusione è molto limitata. I dischi Blu-Ray permetteranno di visualizzare immagini 1080p, come la Playstation 3. L’Xbox 360 produce invece un output 1080i, anche se la prima generazione di HD-DVD supporterà il 1080p.

I film in DVD offrono una qualità d’immagine sufficientemente buona quando sono visualizzati su schermi HD, specialmente se il lettore DVD è basato su un processore progressive scan.

I contenuti HD tendono a possedere tracce audio Dolby Digital AC-3 Surround 5.1, piuttosto che il classico audio stereo.