Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
IoT

Android Things 1.0, ecco l’OS per l’Internet of Things

Android Things 1.0 è stato ufficializzato da Google. Si tratta della prima versione stabile del sistema operativo di Big G pensato per i dispositivi IoT. Il gigante californiano ha dunque anticipato i tempi, visto l'inizio dell'I/O 2018 previsto per domani, suggerendo come l'Internet of Things sia destinata a essere protagonista della manifestazione.

Google sta lavorando ad Android Things da tempo. In questi mesi si sono susseguite una serie di Developer Preview, con il sistema operativo che è stato tenuto da Big G nel ramo sperimentale. Con la versione 1.0, l'azienda di Mountain View mette a disposizione un ambiente stabile e compatibile con tutti i propri servizi, compreso ovviamente l'OS per smartphone e tablet. Ma non è tutto.

ap resize

Android Things 1.0 supporta infatti tutti i System-on-Modules basati sulle piattaforme NXP i.MX8M, Qualcomm SDA212, Qualcomm SDA624 e MediaTek MT8516. Non manca anche il supporto per le piattaforme RaspBerry Pi 3 Model B e NXP i.MX7D, mentre è stato eliminato quello per NXP i.MX6UL. Google ha inoltre introdotto su tutti i dispositivi, di default, la funzionalità di aggiornamento automatico, con update gratuiti per tre anni in relazione a stabilità e sicurezza.

Leggi anche: Google Home e Home Mini, in Italia dal 27 marzo

"Forniamo una solida piattaforma in grado di svolgere il lavoro più pesante servendosi  di hardware certificato, API di sviluppo avanzate e aggiornamenti software gestiti in sicurezza utilizzando l'infrastruttura back-end di Google, in modo che ci si possa concentrare solo sulla realizzazione dei dispositivi", questo è possibile leggere attraverso il blog di Big G dedicato agli sviluppatori.

android internet of things

Com'è ovvio, la palla adesso passa ai partner. Nei prossimi mesi arriveranno infatti sul mercato una serie di dispositivi basati su Android Things 1.0, che consentiranno alla piattaforma di cominciare a diffondersi e, soprattutto, al settore dell'Internet of Things di compiere importanti passi in avanti. 

Leggi anche: Recensione Google Home e Home Mini, un'esperienza da provare

Tra i vari partner, il gigante californiano cita in particolare smart speaker e smart display  targati LG, Lenovo, JBL e iHome. Ne sapremo certamente di più domani, quando la Google I/O 2018 aprirà ufficialmente i battenti. La sensazione comunque, visto anche l'avvento del 5G, è che il settore dell'IoT si prepari finalmente a spiccare il volo.


Tom's Consiglia

Le lampadine smart Philips Hue possono essere controllate con la voce direttamente da Google Assistant. Sono disponibili all'acquisto attraverso Amazon.