Tecnologia

Anycubic Photon Mono SE | Recensione stampante 3D MSLA

Anycubic offre una gamma di stampanti MSLA, contraddistinta da alcuni modelli venduti a prezzi contenuti, perfetti per chi è alla ricerca di una prima stampante a resina fotosensibile. La Photon Mono SE, oggetto di questa recensione, non è la più economica e offre funzioni avanzate che potranno fare comodo agli appassionati.

Specifiche tecniche e prestazioni

La Photon Mono SE è dotata di uno schermo LCD monocromatico da 6 pollici, con risoluzione di 2560×1620 pixel, e quindi pixel da 51 micron. L’accuratezza dell’asse Z è pari a 10 micron. Come anticipato utilizza una tecnologia MSLA, basata quindi su un LCD che viene

Anycubic Photon Mono SE

attivato per creare la maschera che blocca la fonte d’illuminazione UV che polimerizza la resina. Anycubic afferma che la fonte luminosa parallela adottata è più omogenea rispetto a modelli precedenti.

Lo schermo LCD monocromatico permette di lasciare passare molta luce (rispetto alle controparti a colori), e ciò permette di ridurre il tempo di esposizione, risultando in una stampa più veloce (dalle due alle tre volte più veloce).

Il volume di stampa è pari a 130x78x160 mm, un volume leggermente superiore ad altre stampanti a resina economiche, ma che non esce troppo dalla media.

Come è fatta

Il design è di tipo chiuso, con uno sportello anteriore, che gli dona un look molto professionale. Non è un giocattolo in plastica, bensì la struttura è in metallo, con alcuni parti in alluminio. È solido e resistente.

Nella parte anteriore è presente uno schermo LCD, con qualità soddisfacente per il tipo d’uso; in altre parole va bene per cliccare un paio di volte sui vari pulsanti del menù per avviare la stampa o poco altro.

Una porta USB è posizionata sul lato, e permette d’inserire una Pendrive su cui sono presenti i progetti da stampare. Un connettore, nella parte posteriore, permette di collegare un’antenna per la connettività Wi-Fi, che permette di interagire tramite l’applicazione.

Il design chiuso ha un effetto negativo sull’ergonomia d’uso, poiché farete più fatica a inserire la vasca della resina o anche a usare la chiave a brugola per fissare il piano di stampa.

Prova di stampa

Abbiamo stampato questo modello per valutare le prestazioni della stampante. Purtroppo il colore della resina non ci ha permesso di creare fotografie migliori.

La stampante permette di raggiungere il dettaglio promesso, realizzando correttamente il 70% del modello. Solo i dettagli più piccoli sono difficilmente gestibili, ma considerando il risultato e il prezzo c’è poco di cui lamentarsi. Di seguito vi mostriamo ulteriori modelli.

Verdetto

La Photon Mono SE costa circa 270 euro, un prezzo più che adeguato rispetto a quanto offre. È facile da assemblare, da calibrare e da usare, e offre inoltre una connettività Wi-Fi che permette di controllarla tramite lo smartphone. Se state cercando una stampante MSLA che vi permetta di avvicinarvi a questo mondo, o anche se siete già esperti e volete una stampante dal buon rapporto prezzo/prestazioni, considerate la Photon Mono SE.

Gli unici punti negativi riguardano l’area di stampa ridotta (comune in questa fascia di prezzo), e la struttura solida che limita un po’ i movimenti e rende non completamente agevole la fase di calibrazione del piano di stampa.

Anycubic Photon Mono SE


Qualità di stampa più che adeguata per il prezzo, facile da assemblare e da usare, questa stampante MSLA è idonea anche per coloro che si avvicinano per la prima volta al mondo della stampa 3D a resina.

Pro

  • Buona qualità di stampa
  • Facilità di assemblaggio
  • Facilità di calibrazione piano di stampa
  • FEP facilmente sostituibile
  • Facilità d'uso
  • Wi-Fi per App

Contro

  • La struttura rigida rende un po' complicate le manovre durante le fasi di calibrazione