Tecnologia

Anycubic Photon Mono X: 4K, veloce e grande, ma non nel prezzo

Foto generiche

Le stampanti 3D a resina si stanno diffondendo velocemente, grazie soprattutto alla disponibilità di modelli economici. Con una spesa tra i 200 e 300 euro è possibile entrare in possesso di un stampante MSLA che offre buone prestazioni in termini di precisione e dettagli dei modelli stampati. Dopotutto la capacità di creare oggetti super-dettagliati è il principale vantaggio delle stampanti SLA rispetto a quelle FDM, soprattutto se consideriamo prodotti nella stessa fascia di prezzo.

Le limitazioni delle stampanti a resina economiche riguardano, solitamente, il volume di stampa e la velocità ridotta. Quest’ultima caratteristica, a meno che non lo facciate per lavoro, non rappresenta un grave problema, poiché è abbastanza normale lasciare la stampante al lavoro per ore e ore, soprattutto di notte. Il volume di stampa potrebbe invece rappresentare una limitazione. Se siete tra coloro che vogliono stampare oggetti grandi, o semplicemente volete stampare molti oggetti in contemporanea – migliorando di conseguenza il fattore velocità – dovreste considerare la Anycubic Photon Mono X, che raggruppa tutti i pregi di una stampante MSLA in un grande formato.

Come è fatta e caratteristiche tecniche

Photon Mono X ricalca il design degli altri modelli, solo in formato più grande. Una solida base integra l’LCD monocromatico a risoluzione 4K e dimensione di 8.9”. Il totale volume di stampa è di 192 x 120 x 245 mm. Intendiamoci, non si avvicina nemmeno a quello offerto normalmente da una stampante FDM di fascia bassa/media, ma basta citare il volume di 130 x 80 x 165 mm, comune ai modelli MSLA entry level, per rendersi conto della differenza.

Mono X offre anche una velocità di stampa leggermente più veloce rispetto i modelli entry level, raggiungendo i 60 mm / h (contro i 50 mm / h), mentre la risoluzione di stampa è pressoché inalterata. La risoluzione è di 50 micron, mentre l’altezza degli strati va dagli 0,01 ai 0,15 mm. In pratica, la risoluzione 4K dello schermo LCD monocromatico non deve essere intesa, in questo caso, come un miglioramento della risoluzione grazie a una densità pixel più elevata, bensì come uno schermo più grande per coprire un’area di stampa maggiore.

La vaschetta della resina è di conseguenza più grande, e apprezziamo il design completamente libero che prevede il fissaggio alla base tramite due viti collegate direttamente ai bordi della vasca. Questo permette di spostare la vasca con totale libertà, senza doverla inserire o rimuovere in un verso specifico. Questa soluzione, abbinata alla totale rimozione della copertura di protezione, rende più semplice l’interazione e i vari movimenti, evitando brutti incidenti mentre spostate la resina.

Aumenta anche la dimensione dell’LCD touchscreen anteriore (di 3.5”), scelta non particolarmente utile in verità, considerando che il software è lo stesso delle altre Photon e che richiede solo interazioni limitate. Il pulsante di accensione, connettore dell’alimentazione e porta USB per l’inserimento della pendrive su cui inserire i modelli da stampare sono nel bordo destro. Dietro troviamo unicamente le feritoie da cui le ventole possono estrarre l’aria riscaldata dall’elettronica e dell’illuminazione UV. Sulla base di stampa, in posizione arretrata, è posizionato il connettore a cui collegherete la corta antenna che abilita il wi-fi, se vorrete collegarvi alla stampante tramite l’App e inviare i modelli di stampa, nonché tenere sotto controllo lo stato del lavoro.

All’interno della confezione troverete la solita dotazione, composta da alcuni materiali protettivi, alcuni filtri per la resina, spatola, pendrive e istruzioni.

Esperienza d’uso

Se avete utilizzato un’altra stampante MSLA, anche non di Anycubic, non avrete bisogno di leggere le istruzioni. Come già detto più volte, siamo sostanzialmente di fronte a una stampante più grande, ma che si comporta esattamente come tutte le altre basate sullo stesso design e tecnologia.

Il primo avvio richiede unicamente l’installazione della base di stampa e la calibrazione del piano. La base di stampa si blocca agendo su quattro viti a brugola, e la procedura di calibrazione richiederà solo pochi minuti.

Anycubic offre il suo slicer, che va più che bene per un’operatività classica. La Mono X, assieme ad altri modelli Anycubic, sono ora inclusi in Chitubox nella versione 1.8 Beta.

La qualità di stampa è  buona, ma non possiamo dire che sia questa la caratteristica differenziante principale rispetto ad altri modelli. Ricordiamo che nonostante lo schermo a risoluzione 4K, la densità pixel non è superiore rispetto ai modelli con schermo più piccolo. Più apprezzabili sono l’area di stampa, che torna molto utile se il vostro obiettivo è stampare molti modelli assieme, piuttosto che un unico modello dal volume superiore. E soprattutto il sistema d’illuminazione UV potenziato permette di diminuire i tempi di esposizione, risultando in tempi di stampa decisamente più bassi rispetto ai modelli più economici.

Verdetto

Sul sito di Anycubic, Mono X è in vendita a 699 dollari, che diventano 869 euro se volete acquistarla su Amazon. È disponibile anche su Aliexpress a meno di 600 euro. Considerando quest’ultimo prezzo, o quello ufficiale di listino, Photon Mono X offre un grande valore. La base di stampa, e di conseguenza il volume degli oggetti che potete stampare, è decisamente grande. Questa, abbinata alle potenti lampade UV, permettono di creare oggetti ad elevata velocità, riducendo il tempo di stampa di due o tre volte rispetto ai modelli più economici da 200/300 euro. Certo, starete spendendo il doppio, ma se per voi la stampa 3D a resina è un hobby importante, o addirittura qualcosa di più, Mono X vi offre molti vantaggi a un prezzo, in termini assoluti, interessante. L’unico suggerimento che possiamo darvi, se siete interessati, è di acquistarla su shop che la vendono attorno al prezzo di 600 euro.

Per questi motivi, conferiamo alla Anycubic Mono X il nostro award.

Anycubic Photon Mono X


per un prezzo di circa 600 euro avrete una stampante a resina in grado di offrire una velocità e un volume di stampa elevato. Se per voi è un hobby importante o anche qualcosa di più, è la stampante giusta per voi. Se invece cercate una risoluzione dei modelli superiore, Mono X non vi offre nulla di più rispetto ai modelli di fascia entry level. Questa stampante è stata realizzata principalmente per incrementare volume e velocità di stampa.

Pro

  • velocità di stampa
  • volume di stampa
  • facilità d’uso
  • compatibilità Chitubox
  • Wi-Fi
  • prezzo (se acquistata a circa 600 euro)

Contro

  • lo schermo 4K non offre una precisione di stampa superiore rispetto ai modelli 2K
  • l’uso del Wi-Fi non è intuitivo