Tom's Hardware Italia
e-Gov

Apple: addio Google sulla ricerca? Bing e Yahoo alla finestra

L'accordo tra Apple e Google sulla ricerca termina il prossimo anno. Microsoft e Yahoo stanno cercando di sostituire Big G come motore di ricerca predefinito in Safari. Cosa farà Apple?

La rottura tra Mozilla e Google sulla ricerca, seppur solo in alcuni paesi, ha creato un po' di trambusto. Cosa succederebbe però se anche Apple passasse a Bing o a Yahoo? Secondo il sito The Information Google potrebbe perdere la sua posizione di motore di ricerca di default nel browser Safari usato non solo sui Mac ma anche sui dispositivi mobile – iPhone e iPad.

Apple Safari ricerca Google Bing Yahoo

L'accordo tra Apple e Google dovrebbe arrivare alla sua naturale conclusione il prossimo anno e non è detto che venga rinnovato. Da una parte abbiamo Apple, non certo amica della casa di Mountain View come in passato. Basti pensare all'esclusione dell'app di Youtube da quelle preinstallate e l'addio a Google Maps a favore di Apple Mappe.

L'azienda guidata da Tim Cook non ha un motore di ricerca in grado di sopperire a Google, ma non rinnovando l'accordo impartirebbe un potenziale duro colpo alla rivale. Apple probabilmente però agirà con un po' più di raziocinio, quindi farà le proprie scelte solo se avrà rassicurazioni da Microsoft e Yahoo.

Apple iPhone 6 Apple iPhone 6
Apple iPhone 6 Plus Apple iPhone 6 Plus
Apple iPad Air 2 Apple iPad Air 2

Ricordiamo comunque che il motore di ricerca di Yahoo è Bing, e non bisogna dimenticare che per ogni ricerca vengono visualizzate pubblicità. Anche quel fattore influirà, sebbene la fonte affermi che Eddy Cue, vicepresidente senior di Apple che si occupa di software e servizi, sceglierà basandosi "più sulla qualità del prodotto che sui potenziali soldi ricavati dagli annunci pubblicitari".

Da non sottovalutare comunque la situazione attuale. Siri si appoggia a Bing per i risultati web e in OS X Yosemite la ricerca dei risultati tramite Spotlight avviene grazie a Bing. Microsoft potrebbe quindi spuntarla. Cosa farà Apple?