Streaming e Web Service

Apple News+, Apple TV+ e Apple Music in unico bouquet nel 2020, lavori in corso

Apple sta valutando l’opportunità di creare un’offerta che includa tutti i servizi a pagamento News+, Apple TV+ e Apple Music. Un bouquet prevedibilmente scontato che possa incrementare il numero di abbonati. Secondo fonti autorevoli contattate da Bloomberg il lancio potrebbe avvenire già a partire dal 2020.

Alcuni editori incontrati per News+, il servizio che per una cifra forfait di 9,99 dollari al mese consente la fruizione di 300 giornali e riviste, in sede di trattativa con Apple avrebbero infatti scoperto la possibilità di abbinamento con altre offerte digitali. Il problema è con una fetta più piccola da spartire i margini potrebbero ridursi.

Un abbonamento a prezzo pieno, considerati i tre abbonamenti sarebbe di 9,99+4,99+9,99 dollari, quindi circa 25 dollari. Per rendere allettante il tutto bisognerebbe scontare almeno tra i 5 e i 3 dollari, ma i partner di Apple dovrebbero rinunciare a una parte dei ricavi. Già oggi gli editori di News+ ricevono solo nominalmente il 50% dell’abbonamento, poiché nel calcolo è previsto il rilevamento del tempo di fruizione dell’utente. Inoltre bisogna considerare che gli inserzionisti sono fuori dalla partita poiché Apple applica una rigorosa gestione dei dati che non ne prevede la condivisione.

Bloomberg interpreta questa mossa come un’operazione per dare una spinta soprattutto agli abbonamenti di News+, che probabilmente languono. Il direttore del Los Angeles Times però ha sostenuto recentemente che i risultati sono coerenti con le aspettative. “Siamo ottimisti sul fatto che continueranno a crescere nei mesi e negli anni a venire”, ha dichiarato Norm Pearlstine.

Sarà anche così ma New York Times e Washington Post per ora hanno preferito stare alla finestra e attendere magari il prossimo anno, quando gli editori partner del progetto avranno la possibilità di sfilarsi dai contratti stipulati con Apple senza penale. Gli accordi infatti prevedono 12 mesi di adesione e in caso di insoddisfazione libertà di uscita.