Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Sicurezza

Armi dell’esercito USA più facili da hackerare di un iPhone?

Sistemi di puntamento, controlli della manutenzione, comunicazioni: le armi di nuova generazione sono infarcite di tecnologia e preoccuparsi di quanto siano efficaci i sistemi di protezione dovrebbe essere una priorità.

Dalle parti del Pentagono, però, sembra che abbiano sottovalutato la questione e ora gli esperti dell'esercito USA si trovano a fare i conti con un report che è un vero ceffone in faccia per chi dovrebbe occuparsi della "sicurezza nazionale".

Il rapporto è il frutto di una simulazione di attacco portata da un gruppo di pentester, che hanno provato ad attaccare i sistemi informatici dei nuovi armamenti per verificarne il livello di sicurezza.

armi usa

Il risultato è sconfortante: gli esperti di sicurezza hanno individuato infatti una raffica di vulnerabilità talmente gravi da aver permesso di accedere ai sistemi di controllo, rubare dati e anche "sfottere" gli operatori mentre utilizzavano i sistemi di controllo.

Ora il Dipartimento della Difesa dovrà fare qualcosa, anche perché il rapporto è uno dei passi procedurali richiesti dal Congresso USA per confermare il finanziamento "monstre" da 1.660 miliardi chiesto per lo sviluppo delle armi di nuova generazione.

Per saperne di più, leggi l'articolo completo su Security Info, il sito Internet completamente dedicato alle news e agli approfondimenti sul tema della sicurezza informatica.