Spazio e Scienze

Asteroide di Halloween pronto a sfiorare la Terra, ecco come osservarlo

Il 31 ottobre l'asteroide 2015 TB145 sfiorerà la Terra. Niente paura, passerà a distanza di sicurezza dal nostro Pianeta, a poco meno di 500mila chilometri. Complice la data del passaggio è già stato soprannominato l'asteroide di Halloween, e la buona notizia è che se il cielo sarà sereno e avete a casa un telescopio amatoriale potrete cercare di vederlo.

artists impression asteroid
Asteroide – Ricostruzione artistica

Luca Buzzi dell'Osservatorio Schiaparelli di Campo dei Fiori ha già iniziato a dargli un'occhiata con il telescopio principale da 60 cm e la notte fra il 23 e il 24 ottobre ha scattato le tre immagini che compongono l'animazione che vedete qui sotto.

Ha spiegato a Tom's Hadware che "l'asteroide ha un diametro stimato di circa 400 metri e nelle immagini si muove verso l'alto, e lo si vede facilmente un po' più in alto rispetto al centro dell'immagine. In quel momento si trovava a circa 23,1 milioni di km dalla Terra (60 distanze lunari)" quindi "era ancora abbastanza lontano, infatti si muoveva piano".

Il massimo avvicinamento lo avremo la sera del 31 ottobre, verso le ore 18 italiane, quando passerà ad una distanza di circa 488.000 km, il che significa che è poco più lontano dell'orbita della Luna. Questo corpo celeste avrà una magnitudine 10 nel punto di massimo avvicinamento. In altre parole non si vedrà assolutamente a occhio nudo. Bisogna avere un grosso binocolo con il cavalletto o un telescopio per osservarlo.

L'altro requisito è che "per puntare l'asteroide di Halloween bisogna per forza conoscerne le coordinate. Non basta guardare la costellazione di riferimento per vederlo. Non è una stella cadente che va ad alta velocità. Bisogna inquadrare bene la zona, e una volta fatto l'asteroide impiegherà 3 o 4 minuti per attraversarla. Si vedrà come un piccolo puntino luminoso".   

Per aiutare chi vuole cimentarsi nell'osservazione pubblichiamo le coordinate e le cartine che ci ha gentilmente fornito Luca Buzzi. La prima cartina è a grande campo, la seconda è più ristretta, ed entrambe mostrano la posizione dell'asteroide alle ore 18:30 di sabato 31 ottobre.

Cartina a grande campo della posizione dell'asteroide, 31 ottobre ore 18 30
Cartina a grande campo della posizione dell'asteroide, 31 ottobre ore 18:30

L'asteroide si troverà nella costellazione dell'Orsa Maggiore, poco a destra dell'inconfondabile sagoma del "grande carro", alle seguenti coordinate: A.R. 10h 00m – Decl.: +54° 38'. L'asteroide si muoverà di un diametro lunare (30 primi d'arco) ogni due minuti, verso ovest.

Cartina a piccolo campo della posizione dell'asteroide, 31 ottobre ore 18 30
Cartina a piccolo campo della posizione dell'asteroide, 31 ottobre ore 18:30

È inoltre da tenere a mente che quando arriverà al massimo avvicinamento, nel nord Italia l'asteroide sarà molto basso all'orizzonte (a nord a una quindicina di gradi d'altezza), quindi più difficile da vedere. In questa situazione inoltre ci sarà solo mezzora di tempo per vederlo, dopo di ché scenderà sotto all'orizzonte.

È il motivo per il quale alcuni consigliano di tentare l'osservazione anche nella notte fra il 30 e il 31 ottobre dopo le 23. "In questo caso si vedrà per tutta la notte, però sarà un po' più debole" spiega Buzzi. La Luna invece non costituirà un grosso problema: come sempre disturba un po', ma secondo Luca Buzzi con questo genere di oggetti la luminosità della Luna non crea molti problemi, anche perché l'asteroide sarà abbastanza lontano dal nostro satellite, nella costellazione dell'Orsa Maggiore, che appunto in prima serata è molto bassa nel cielo.

Buzzi ci fa notare che non è l'asteroide che più si è avvicinato alla Terra, anzi è oltre la cinquantesima posizione nella classifica di quelli che hanno sfiorato la Terra. Due si sono addirittura schiantati al contatto con l'atmosfera, nel 2008 e nel 2014. La peculiarità dell'asteroide di Halloween quindi non è la distanza a cui passerà rispetto alla Terra, ma la sua dimensione: in genere i corpi celesti che si avvicinano così tanto al nostro Pianeta sono più piccoli.

In collaborazione con Luca Buzzi dell'Osservatorio Astronomico G. V. Schiaparelli – Campo dei Fiori

900-76 EQ2 Telescopio riflettore 900-76 EQ2 Telescopio riflettore
Seben 1000-114 Star-Sheriff EQ3 Telescopio riflettore Seben 1000-114 Star-Sheriff EQ3 Telescopio riflettore
Celestron TravelScope 50 Telescopio Celestron TravelScope 50 Telescopio
National Geographic 9062000 - Telescopio rifrattore computerizzato 70/350 National Geographic 9062000 – Telescopio rifrattore computerizzato 70/350