Tom's Hardware Italia
Home Cinema

Bagarini 2.0, l’esaurito dei Coldplay puzza di ticket bot

Il tutto esaurito dei Coldplay su TicketOne ha acceso i riflettori su Viagogo, TicketBis o StubHub dove i bagarini vendono i biglietti a prezzi gonfiati. Il segreto è nei ticket bot.

Vuoi i biglietti per il concerto dei Coldplay allo stadio San Siro di Milano? Preparati a sborsare il doppio, il triplo o anche di più rispetto al prezzo ufficiale perché ormai è tutto in mano ai bagarini 2.0. Un tempo si prenotava su TicketOne, adesso allo scoccare dell'ora x in pochi secondi è tutto esaurito – sempre che riusciate a connettervi.

Il motivo si deve ai nuovi bagarini online. Gente smaliziata che con ticket bot fanno razzia di biglietti aggirando limiti di acquisto, capcha e altri ostacoli. Su La Repubblica oggi Vincenzo Spera, presidente dell'associazione degli organizzatori di concerti Assomusica, ammette che "al momento non c'è soluzione".

ticketone

La Cassazione nel 2006 ha stabilito con una sentenza storica che, qualora i biglietti non abbiano provenienza illecita, possono essere ceduti ad altri. Più complessa la questione dei ticket nominativi, che però sono una rarità nel settore della musica pop perché secondo gli organizzatori i costi per i controlli sarebbero troppo alti.

E così anche se su TicketOne le due date di Milano risultano esaurite, basta un rapido sguardo su Viagogo, TicketBis o StubHub per scoprire che c'è speranza – per chi ha il portafogli farcito. Terzo anello verde? Poco meno di 300 euro. Primo anello rosso? 900 euro.

ticket coldplay
Ticket Coldplay

Non è una moda italiana, succede in tutto il mondo a meno che non siano in vigore leggi anti-bagarinaggio. La BBC stima che questo sottobosco gestisca circa il 30% dei biglietti per i grandi eventi. Milioni di euro che finiscono nelle tasche di furbetti. "S'ei piace ei lice", penseranno in molti.

Claudio Trotta, il promoter fondatore di Barley Arts, sostiene che vada ritrovata un'etica: "L'economia dei concerti è stata snaturata a favore di terzi che nulla hanno a che vedere con chi fa musica, quelle piattaforme vanno chiuse".

Intanto dietro ai biglietti si legge che "non sono permutabili o cedibili a titolo oneroso".