Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Batterie a metallo liquido: stoccaggio energetico lowcost

All'Università di Stanford un gruppo di ricercatori ha messo a punto un nuovo tipo di batteria di flusso in cui i liquidi fino ad ora utilizzati sono stati sostituiti da un mix di sodio e potassio, che a temperatura ambiente forma un metallo liquido. Questo ha consentito di ottenere un voltaggio praticamente doppio rispetto alle […]

All'Università di Stanford un gruppo di ricercatori ha messo a punto un nuovo tipo di batteria di flusso in cui i liquidi fino ad ora utilizzati sono stati sostituiti da un mix di sodio e potassio, che a temperatura ambiente forma un metallo liquido. Questo ha consentito di ottenere un voltaggio praticamente doppio rispetto alle tipologie attuali, con la possibilità concreta quindi di poter stoccare l'energia solare o eolica prodotta e non utilizzata immediatamente a prezzi molto più bassi degli attuali, rendendo quindi finalmente competitive le fonti rinnovabili.

Le batterie di flusso sono conosciute e utilizzate da anni nello stoccaggio. Si tratta di batterie ricaricabile in cui elettroliti contenenti una o più sostanze elettroattive disciolte scorrono attraverso una cella elettrochimica che converte l'energia chimica direttamente in energia elettrica. Fino ad ora però queste soluzioni erano limitate o dai costi elevati delle sostanze elettroattive utilizzate, dalla tossicità delle stesse, dalle temperature elevatissime necessarie al funzionamento o ancora dalla quantità di energia stoccabile, vincolata dalla tensione di scissione dei materiali usati.

liquid metal graphic

La nuova batteria messa a punto a Stanford invece utilizza una mescola di sodio e potassio, economica, non tossica, in grado di funzionare a temperatura ambiente e soprattutto capace di raggiungere un voltaggio doppio rispetto alle batterie di flusso attuali.

Leggi anche: Batterie semi-solide al litio pronte al debutto entro l'anno

Questo significa quindi poter diminuire drasticamente i costi di questo tipo di batterie e, di conseguenza, quelli legati allo stoccaggio, talmente elevati da incidere significativamente sui costi complessivi delle rinnovabili, annullandone di fatto i vantaggi economici e richiedendo anni prima di poter rientrare dell'investimento.

Leggi anche: Batterie cariche in 5 minuti grazie al grafene?

‎Per poter utilizzare il metallo liquido come polo negativo della batteria, il gruppo guidato dal docente di ingegneria e scienze dei materiali WilliamChueh ha sviluppato una particolare membrana in ceramica che combina potassio e ossido di alluminio per mantenere separati i materiali positivi e negativi, consentendo al tempo stesso alla corrente di transitare.

untitled

‎‎"Abbiamo ancora un sacco di lavoro da fare," ha spiegato Antonio Baclig, dottorando che fa parte del gruppo, "ma questo è un nuovo tipo di batteria di flusso che potrebbe consentire un utilizzo molto più intensivo di energia solare ed eolica, grazie all'uso di materiali non difficili da reperire ed economici".


Tom's Consiglia

Questa powerbank da 20000 mAh di Aukey non risolverà i problemi di storage per le rinnovabili, ma sicuramente quelli di autonomia dei vostri dispositivi mobili sì.