Fotografia

Beyonder: video a 360 gradi mai visti, made in Italy

Avete presente il dolby surround? Al cinema o a casa ci si può immergere nei suoni che arrivano da ogni direzione e vi fanno sentire al centro dell'azione. Provate a immaginare un filmato HD che abbia le stesse caratteristiche: un video a 360 gradi. Anzi, non immaginatelo, cliccate qui e immergetevi, provate a muovervi con il mouse e approfittate di tutte le opzioni di visualizzazione. Finora potevano permettersi questa tecnologia solo le major di Hollywood. Macchine di ripresa, set da milioni di dollari e risultati spettacolari, come in Oblivion di Joseph Kosinski. Beyonder sarà invece tascabile, peserà meno di cinquecento grammi e sarà alla portata di tutte le tasche.

Beyonder è già al suo terzo prototipo e ha superato positivamente i test alla quale è stata sottoposta. È una camera professionale basata su sei sensori CCD e su un sistema di elaborazione che permette di acquisire, elaborare e trasmettere flussi video a 360 gradi via wireless a uno smartphone/PC oppure in streaming su Internet. Le sei videocamere HD che la compongono sono in grado di riprendere tutto cioè che le circonda: 360 gradi in orizzontale e 180 gradi in verticale. In seguito ogni singolo video viene frazionato in fotogrammi che, a loro volta, vengono poi ricomposti nel filmato definitivo.

I makers di IVE360 – Roberto Basili, Nicholas Caporusso, Luca D'Addario, Diego Marra – hanno sviluppato algoritmi ad hoc per il processing real-time e il post-processing del filmato. Beyonder è stata progettata per consentire un approccio modulare ed estenderne così le funzionalità, per renderlo adatto alle situazione più disparate, grazie a plugin hardware e accessori di ogni tipo.

I filmati realizzati con Beyonder sono fruibili con tecnologia Flash e HTML 5. In progettazione anche un player da incorporare nei siti, una piattaforma social web di servizio e soluzioni che permettano di sfruttare la potenza di calcolo degli smartphone e usare il cloud per "liberare" i dispositivi dal peso dei filmati.

Quella barese è finora l'unica esperienza avanzata di video HD a 360 gradi. Roberto, Nicholas, Diego, Luca e guardano lontano. Con Immersive Video Experience 360 stanno inventando un nuovo linguaggio video per esperienze professionali e consumer. I campi di applicazione sono tantissimi, dall'evoluzione dei video amatoriali alla promozione turistica, alle riprese dei grandi eventi (concerti, spettacoli, manifestazioni), alle videoinstallazioni, al cinema.

La startup è uno dei primi risultati della Maker Zone barese, nata poco più di un mese fa.