Home Cinema

Bilanciamento del bianco

Pagina 2: Bilanciamento del bianco





Bilanciamento
del bianco

L’occhio umano può distinguere un numero
virtualmente infinito di colori. Ma per una videocamera è
più dura. Tentare di avere a video lo stesso rosso o lo stesso
blu potrebbe essere difficile. Tutti i camcorder, se regolati su
automatico, tentano di bilanciare i bianchi.

Che cosa vuol dire? Quando si inizia a registrare.
la videocamera esamina tutti i colori visibili, e tenta di riconoscere
qual’è il bianco. Si potrebbe pensare che l’operatore, cioè
voi, sappia benissimo qual’è il bianco. Il fatto è che la
vostra videocamera non lo sa e, una volta che lo ha stabilito,. regola
gli altri colori in base al bianco. È possibile, se non probabile, che
si sbagli.

La maggior parte delle videocamere offrono la
possibilità di bilanciare il bianco normalmente. Basta piazzare
un foglio bianco davanti all’obiettivo e regolare il bilanciamento del
bianco. Questo calibrerà il camcorder in modo ottimale, e tutti
i colori risulteranno realistici. Ma la carta che usate tutti i giorni
in ufficio non è bianca, non veramente. Ha anche una piccola
componente brillante. Per essere sicuri, dovreste comprare un campione
di carta apposita nel vostro negozio di fiducia.

Tecniche di ripresa

La tecnica di ripresa dipende molto da contesto. Per
esempio, non è lo stesso lavorare fermi che in movimento. In
ogni caso dovete rendere stabile la videocamera. I treppiedi sono
ottimi per le riprese da fermo, i monopiedi per le zone affollate, o
quando dovete spostarvi in fretta. Se avete veramente molti, molti
soldi da spendere, una steadycam offre il massimo delle prestazioni; si
vedono molto spesso negli studi televisivi.

In ogni caso il treppiedi o il monopiedi sono
sufficienti per ottenere delle riprese stabili. Dipede tutto da come
tenete la videocamera e da come vi muovete. Tenetela con due mani, in
modo da ridurre gli inevitabili tremolii; pensate alle vostre gambe
come a dei dispositivi per assorbire gli urti. Tenete le ginocchia
piegate, e abbassate il baricentro del corpo. Noleggiate un poliziesco,
per esempio SWAT, e osservate come si muovono i protagonisti. Quella
è l’impostazione corretta.

Se la vostra videocamera ha un jack audio esterno,
dovreste usarlo. Sarete sorpresi dalla grande differenza nei risultati.
Aiuta anche avere qualcuno che si occupi dell’audio, come nelle equipe
professionali. Ci sono sempre due persone, una che filma, e la seconda
che ascolta, con le cuffie.

Non preoccupatevi di girare troppo materiale. I
nastri sono economici e le scene in più possono sempre essere
tagliate in fase di montaggio.

Etichettate i nastri non appena li estraete dal
camcorder. Se non lo fate vi troverete a perderete un sacco di tempo in
seguito, cercando quella particolare cassetta.