e-Gov

Bit-Wallet, il primo bancomat Bitcoin made in Italy

Bit-Wallet e il primo bancomat per Bitcoin (BTC) progettato e realizzato in Italia, ed è finalmente disponibile al pubblico per 3000 euro circa – a dire il vero per ora è solo prenotabile. A produrlo è la società omonima, che ha lavorato in collaborazione con CoinCapital – avevamo raccontato l'installazione della demo a Roma lo scorso marzo.

Si tratta di un macchinario piuttosto compatto (solo 20 Kg di peso) che permette di comprare BTC in cambio di contanti. Basta avvicinarsi, inserire le banconote e "mostrare" al Bit-Wallet il codice QR generato dall'applicazione per smartphone che abbiamo scelto per gestire i BTC. C'è anche il modello bidirezionale, vale a dire quello che può dare contanti in cambio di BTC.

Bit-Wallet è una società italiana ma non punta solo al mercato locale: la macchina infatti si può programmare per funzionare con banconote di tutto il mondo. È quindi un concorrente diretto di prodotti come il Robocoin – che ha installato il primo esemplare proprio a Roma Termini qualche giorno fa.

Un bel passo avanti per queste due giovani aziende italiane, che stanno puntando su un tema complesso come le criptomonete. Una scelta coraggiosa, considerando tutte le possibili trappole che potrebbe tendere la burocrazia italiana, e quanto poco è stato compreso il fenomeno da molti di noi. Non possiamo che fare i complimenti e i nostri migliori auguri a Bit-Wallet e CoinCapital.