Criptovalute

Bitcoin, difficoltà di mining aumentata del 31% da luglio

Il 21 settembre, la rete bitcoin ha registrato un altro aggiustamento della difficoltà di mining, aumentato del 3,2%. L’ultimo aggiustamento costituisce la quinta impennata consecutiva della difficoltà di mining di bitcoin da metà luglio, con il tasso di difficoltà in aumento di oltre il 31% dal livello di difficoltà più basso da giugno 2020.

I nuovi aggiustamenti positivi seguono una serie di quattro cali di difficoltà consecutivi che sono iniziati con un calo di quasi il 16% a fine maggio tra le preoccupazioni globali legate al giro di vite nazionale della Cina sul mining di criptovaluta. Nonostante abbia visto cinque aggiustamenti positivi di fila, l’attuale tasso di difficoltà di mining di bitcoin è ancora lontano dal livello massimo storico registrato a maggio 2021.

La difficoltà di mining di bitcoin è una metrica progettata per riflettere quanto sia difficile estrarre un blocco bitcoin, con un livello di difficoltà più elevato che richiede più potenza di calcolo per verificare le transazioni e estrarre nuove monete. La regolazione della difficoltà si verifica ogni 2.016 blocchi, o circa ogni due settimane, poiché bitcoin è programmato per autoregolarsi al fine di mantenere un tempo di blocco target di 10 minuti.

La continua crescita della difficoltà di mining di BTC arriva in parallelo con un aumento significativo dell’hashrate bitcoin, la potenza computazionale combinata totale utilizzata per estrarre ed elaborare le transazioni BTC. L’hashrate di Bitcoin è salito a 150 exahashes (EH / s) a fine agosto dopo essere precipitato a un minimo di 52 EH / s a giugno, recuperando ai livelli di inizio giugno e indicando che i minatori stavano tornando online dopo il giro di vite della Cina.