Criptovalute

Bitcoin e altre criptovalute: presto saranno opzioni di pagamento sulle app iOS?

Un’ingiunzione permanente è stata emessa contro Apple, consentendo prossimamente agli sviluppatori di indirizzare i propri clienti verso altri sistemi di pagamento. L’ordine è stato emesso verso la fine della scorsa settimana dal giudice Yvonne Gonzalez Rogers, e mette nuove restrizioni alle regole dell’App Store di Apple. L’anno scorso, ad agosto, il produttore di Fortnite ha intentato una causa contro Apple dopo che la società aveva rimosso il popolare videogioco dai loro app store perché Epic violava le linee guida dell’App Store relative ai pagamenti in-app.

Epic Games voleva utilizzare strumenti di elaborazione dei pagamenti alternativi, che includevano “Bitcoin o altre criptovalute”, per stimolare l’innovazione e offrire prezzi più bassi e un servizio migliore ai propri utenti. Dopo una battaglia legale durata un anno, venerdì scorso è stato emesso il provvedimento secondo cui le app iOS devono essere autorizzate a indirizzare gli utenti verso altre opzioni di pagamento che vanno oltre ciò che Apple offre.

In base al nuovo ordine, Apple è “permanentemente trattenuta dal vietare agli sviluppatori di includere nelle loro app e nei loro metadati pulsanti, collegamenti esterni o altri inviti all’azione che indirizzano i clienti a meccanismi di acquisto, oltre all’acquisto in-app e alla comunicazione con i clienti attraverso punti di contatto ottenuti volontariamente dai clienti attraverso la registrazione dell’account all’interno dell’app”.

L’ingiunzione dovrebbe avere effetto il 9 dicembre, cioè tra 90 giorni a meno che la sentenza non sia annullata da un tribunale superiore. Tuttavia, in una sentenza separata, è stato anche stabilito che Epic Games abbia violato il suo contratto con Apple implementando il sistema di pagamento alternativo. Di conseguenza, dovrà pagare ad Apple il 30% delle sue entrate, che arrivano a oltre 3,5 milioni di dollari, generate da questa implementazione.

Ciò è dovuto al fatto che “Il mercato rilevante qui sono le transazioni di gioco mobile digitale, non il gioco in generale e non i sistemi operativi interni di Apple relativi all’App Store”, come spiegato dal giudice Gonzalez Rogers. Pertanto, sebbene non si possa concludere che Apple sia un monopolista, è stato effettivamente riscontrato che Apple si è impegnata in una condotta anticoncorrenziale. Il CEO e fondatore di Epic Games Tim Sweeney, ha dichiarato su Twitter che questa “sentenza non è una vittoria per gli sviluppatori o per i consumatori. Epic sta lottando per una concorrenza leale tra i metodi di pagamento in-app e gli app store per un miliardo di consumatori”.