Criptovalute

Bitcoin, ecco 11 nazioni che non tassano le criptovalute

Riscuotere tasse sul reddito e sulle plusvalenze da Bitcoin e altre criptovalute è ora comune, tuttavia ci sono diversi Paesi che sono in controtendenza, desiderosi di vedere come si sviluppa questa asset emergente e di incoraggiare l’innovazione e per questo motivo hanno implementato leggi più amichevoli che consentono agli investitori di acquistare, vendere o detenere risorse digitali senza alcuna responsabilità fiscale.

La Bielorussia sta adottando un approccio sperimentale alle criptovalute. Nel marzo 2018, una nuova legge ha legalizzato le attività di criptovaluta nello stato dell’Europa orientale, esentando le persone e le imprese coinvolte in esse dalle tasse fino al 2023. Secondo la legge, il mining e l’investimento in criptovalute sono considerati investimenti personali e quindi esenti dall’imposta sul reddito e dalle plusvalenze.

Le leggi liberali mirano a promuovere lo sviluppo di un’economia digitale e l’innovazione tecnologica. Il Paese è stato recentemente classificato terzo in Europa orientale e 19 ° a livello globale nei livelli di trading di criptovalute P2P.

La Germania offre una versione unica della tassazione delle valute digitali come Bitcoin. A differenza della maggior parte degli altri stati, la più grande economia europea considera Bitcoin come denaro privato, al contrario di una valuta, una merce o un’azione. Per i residenti tedeschi, qualsiasi criptovaluta detenuta per oltre un anno è esente da imposte, indipendentemente dall’importo. Se le attività sono detenute per meno di un anno, l’imposta sulle plusvalenze non matura su una vendita, purché l’importo non superi i 600 euro.

Tuttavia, per le aziende è una questione diversa; una startup costituita in Germania deve ancora pagare le imposte sul reddito delle società sui guadagni in criptovaluta, proprio come farebbe con qualsiasi altra attività.

Hong Kong di per sé non è un Paese ma una Regione Amministrativa Speciale della Cina, con autonomia teorica sui propri affari. E la legislazione fiscale di Hong Kong sulle criptovalute è un affare di ampio respiro, anche dopo che nel 2020 sono state emesse nuove linee guida. In sostanza, se le criptovalute sono tassate o meno dipende dal loro utilizzo.

Se le risorse digitali vengono acquistate per scopi di investimento a lungo termine, eventuali profitti derivanti dalla cessione non sarebbero soggetti all’imposta sugli utili, ma questo non si applica alle società: i loro profitti provenienti da Hong Kong dalle attività commerciali di criptovaluta sono tassabili.

Credit: Pixabay

A seguito dell’approvazione di una legge per rendere Bitcoin a corso legale in El Salvador, il Paese esenterà gli investitori stranieri dal pagamento delle tasse sui loro guadagni Bitcoin. Anche la Malaysia non tassa le plusvalenze sulle criptovalute, ma il trading frequente è considerato una professione. Tuttavia, i profitti derivanti dal trading di criptovalute attivo possono essere considerati come entrate e quindi considerati reddito imponibile. Anche le aziende coinvolte nella criptovaluta sono soggette all’imposta sul reddito malese.

Il governo di Malta, la cosiddetta “Blockchain Island”, riconosce Bitcoin “come unità di conto, mezzo di scambio o riserva di valore”. Malta non applica l’imposta sulle plusvalenze alle valute digitali di lunga data come Bitcoin, ma le negoziazioni di criptovalute sono considerate simili al day trading di azioni e attirano l’imposta sul reddito d’impresa al tasso del 35%. Tuttavia, questo può essere mitigato tra il 5 e lo 0%, attraverso “opzioni di strutturazione” disponibili sotto il sistema maltese.

Il Portogallo ha adottato leggi fiscali liberali nei confronti delle criptovalute, nel tentativo di incoraggiare l’innovazione ed ha uno dei regimi fiscali più cripto-friendly al mondo. I proventi della vendita di criptovalute da parte di individui sono esenti da imposte dal 2018 e il trading di criptovaluta non è considerato reddito da investimento. Tuttavia, le aziende che accettano valute digitali come pagamento per beni e servizi sono soggette all’imposta sul reddito.

L’imposta sulle plusvalenze non esiste a Singapore, quindi né gli individui né le società che detengono criptovaluta sono responsabili, ma le società con sede a Singapore sono soggette all’imposta sul reddito, se il loro core business è il trading di criptovaluta o se accettano criptovaluta come pagamento.

La Slovenia è un altro Paese che tratta individui e imprese separatamente nell’ambito del suo sistema fiscale di criptovaluta. Nessuna imposta sulle plusvalenze viene riscossa sugli individui quando vendono Bitcoin e le plusvalenze non sono considerate reddito. Tuttavia, le aziende che ricevono pagamenti in criptovalute, o attraverso il mining, sono tenute a pagare le tasse al tasso aziendale.

Non sorprende poi che la Svizzera, sede del polo di innovazione noto come “Crypto Valley”, abbia anche una delle politiche fiscali più lungimiranti. I profitti di criptovaluta realizzati da un individuo qualificato attraverso l’investimento e il trading sono trattati come plusvalenze esenti da imposte. Tuttavia, il reddito derivante dal trading professionale e dall’estrazione è soggetto all’imposta sul reddito. In particolare, le leggi fiscali differiscono a livello regionale e una “tassa patrimoniale” annuale viene riscossa sulla quantità totale di criptovalute possedute, insieme al resto del patrimonio netto di un individuo.

La nazione insulare delle Bermuda è un paradiso fiscale: non impone reddito, plusvalenze, ritenute alla fonte o altre imposte sulle risorse digitali o sulle transazioni che coinvolgono risorse digitali.