Telco

Blocco della rimodulazione tariffaria per i primi 6 mesi di contratto, disegno di legge 1105

Il disegno di legge 1105, attualmente in discussione presso la Commissione Lavori pubblici del Senato, prevede per “operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazioni elettroniche” l’impossibilità di modificare le condizioni giuridiche ed economiche delle offerte “prima che siano trascorsi sei mesi dalla stipula del contratto“. Inoltre “senza aggravio di costi o peggioramento delle condizioni economiche applicate nei confronti del consumatore”.

Questa è una delle tante modifiche all’articolo 1 del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40. Al solito è bene sottolineare che si tratta di un disegno di legge e che quindi prima di un’eventuale approvazione potrebbero essere inserite diverse modifiche.

“L’Autorità garantisce altresì che gli operatori dei servizi di telefonia mobile assicurino la piena trasparenza delle offerte e dei messaggi pubblicitari di cui al comma 2, garantendo una comunicazione semplice ed essenziale che faciliti al consumatore la comprensione della tariffa e del prezzo complessivo relativo ai servizi acquistati mediante sottoscrizione del contratto di attivazione”, prosegue il disegno di legge.

Si parla anche di come dovrebbero essere comunicate le offerte commerciali degli operatori di telefonia: tutte le voci dovrebbero essere in evidenza. “A tal fine sono vietate le offerte e i messaggi pubblicitari e informativi di tariffe e servizi proposti dagli operatori che contengono l’indicazione del prezzo finale privo, in tutto o in parte, degli oneri complessivi derivanti dall’attivazione o dall’utilizzo dei servizi di traffico voce, dati, messaggistica istantanea e dei servizi ancillari di cui al comma 2.1”, è la proposta di nuovo comma.

E per “servizi ancillari” la norma intende “costi di attivazione del servizio, di attivazione e fruizione del piano tariffario, di trasferimento ad altro operatore, di utilizzo del servizio di segreteria telefonica, di verifica del credito residuo disponibile, di utilizzo di software e applicazioni, nonché di ogni ulteriore servizio pre-attivato o non disattivabile la cui fruizione comporti un aumento del prezzo complessivo corrisposto dal consumatore durante il periodo di fatturazione”.

Infine il prezzo finale “contenuto nelle offerte promozionali e nei messaggi pubblicitari” dovrebbe includere “i costi di tutti i servizi attivati, pre-attivati o non disattivatili dal consumatore al momento della sottoscrizione del contratto, inclusi i servizi ancillari”.

Da rilevare che Iliad e Fastweb, in audizione in Commissione, si sono espresse positivamente sull’iniziativa, ma Fastweb ha ricordato anche che la trasparenza tariffaria dovrebbe valere non solo per la telefonia ma anche il residenziale. L’unica criticità per il blocco rimodulazione è legata agli operatori mobili virtuali: un cambio al rialzo delle tariffe all’ingrosso senza poter intervenire poi su quelle consumer finali per sei mesi potrebbe trasformarsi in un danno economico.

Per Massimo Angelini, Direttore Public Affairs, Internal & External Communication di Wind Tre: “Le Telco hanno mantenuto un profilo di investimento importante, circa sette miliardi l’anno, in linea con le esigenze dei clienti e il forte consumo dei dati. In questo quadro va poi tenuto conto dei numerosi interventi normativi e regolamentari a tutela dei consumatori”.

“Siamo veramente certi di aver bisogno di un ennesimo intervento normativo su una leva fondamentale di competizione come quella dei prezzi? Noi pensiamo, conclude il manager di Wind Tre, che sarebbe auspicabile, invece, favorire un nuovo patto tra associazioni dei consumatori, Istituzioni, Autorità e imprese che possa rafforzare ulteriormente ciò che è stato fatto in questi ultimi anni”.