Spazio e Scienze

Blue Origin, ecco i piani di Bezos per le colonie lunari

Secondo Jeff Bezos, patron di Amazon e fondatore di Blue Origin, nel giro di un secolo le colonie lunari saranno una realtà e contribuiranno allo sviluppo di soluzioni per l'esplorazione spaziale che, in futuro, ci consentiranno di lasciare la Terra. "Dovremo lasciare questo Pianeta. Stiamo per lasciarlo e ciò lo renderà un posto migliore": è quanto ha dichiarato in un intervento durante la Space Development Conference di Los Angeles.

Bezos insomma è fortemente convinto che la permanenza dell'uomo sulla Terra sia ormai destinata a finire e che sia solo questione di tempo. Non accadrà oggi o domani, ma la base di partenza sarà la creazione di una o più colonie lunari, dove le varie nazioni collaboreranno anziché competere.

NSF 20171219 205518

Secondo Bezos infatti sulla Luna c'è luce solare 24/7 per alimentare i pannelli solari, acqua nascosta sotto la superficie e un sacco di regolite per costruire (basta non respirare la polvere). "Sembra quasi che qualcuno abbia realizzato tutto questo per noi". Certo, la Terra resterà centrale (e popolata) ancora per molto tempo, perché dovrà fornire minerali e altre risorse non presenti sulla Luna, ma in generale una base lunare sarà l'ideale per la produttività.

Leggi anche: Navicella spaziale con maxi finestre per Blue Origin

A tale proposito, Bezos ha già proposto a NASA ed ESA una collaborazione pubblico-privato per lo sviluppo di un lander lunare che verifichi le opportunità abitative e produttive offerte dalla Luna, ma l'azienda spaziale del miliardario statunitense è pronta a procedere anche in autonomia se sarà necessario, tanta è la fiducia in questo progetto del suo fondatore.   

Moonbase Alpha 600x400

Nel frattempo i razzi di Blue Origin sono ancora fermi al volo suborbitale, ma entro il 2020 dovrebbe esordire New Glenn, il successore orbitale dell'attuale razzo New Shepard. Come detto all'inizio comunque la scala temporale di riferimento va al di là di questa generazione. Anche se tutto dovesse andare secondo i piani visionari di Bezos, infatti, tra un centinaio di anni abitare in una colonia lunare sarebbe ancora un privilegio di pochi, probabilmente scienziati, astronauti e altre figure specializzate. In ogni caso il primo passo per l'abbandono definitivo della Terra da parte del genere umano sarebbe compiuto. La Luna sarebbe il nostro trampolino di lancio verso l'infinito…e oltre!