Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Spazio e Scienze

Bolletta energia elettrica, troppi oneri ingiustificati

La bolletta elettrica andrebbe sterilizzata dagli oneri di sistema che nulla hanno a che vedere con i consumatori ma che incidono pesantemente sui costi finali. Questo è quello che lascia intendere Guido Bortoni, presidente dell'Autorità per l'Energia, nell'ultima relazione che verrà presentata oggi al Capo dello Stato Sergio Mattarella.

Com'è risaputo il mercato libero non decolla e uno dei motivi si deve anche al fatto che la concorrenza tra gli operatori incide solo per circa il 47% della bolletta – esattamente la voce riguardante la spesa per la materia energia. Il resto è per il 20,18 % dedicato alle spese per il trasporto e la gestione del contatore, il 13,21 % di imposte e il 18,96% per oneri di sistema. È proprio questa ultima voce la più contestata.

bolletta energia
Bolletta energia

Negli anni è diventato uno comodo strumento di riscossione per le casse dello Stato. Include infatti: gli incentivi alle rinnovabili, la spesa per le centrali nucleari da dismettere, il risparmio energetico, gli sgravi per le ferrovie, le grandi industrie ad alto consumo e tutte le società elettriche delle piccole isole.

AEEGSI ha rilevato che gli incentivi per gli operatori di energia rinnovabile ormai sono marginali per il settore, ma nel 2016 questa componente ha distribuito ben 16 miliardi soprattutto ai piccoli impianti sotto forma di esenzioni – anche se dovrebbero finire nella fiscalità generale. E che dire delle centrali nucleari in dismissione da anni? Sui 563 milioni raccolti per il nucleare poco più della metà arrivano effettivamente ai Comuni coinvolti e alla Sogin, ma ben 135 li incassa lo Stato. Infine davvero impropri – almeno per la bolletta – i 245 milioni per la rete ferroviaria e 1,4 miliardi per il rimborso dei distributori di certificati bianchi.

Leggi anche: Cambiare fornitore di energia? Una guida per fare chiarezza

Insomma, è opinione dello stesso Garante che tutte queste tasse occulte deprimano la concorrenza a prescindere dal rinnovamento della regolazione. D'altronde è sotto gli occhi di tutti il crollo dei prezzi nella borsa elettrica negli ultimi 5 anni e i ridotti effetti benefici consequenziali. Nel 2012 il prezzo del MWh era compreso tra i 70 e gli 80 euro, oggi viaggia sui 40 euro ma pochi consumatori se ne sono accorti in bolletta.

Energia atomica

La soluzione proposta dall'Autorità è quindi di fare pulizia grazie a un micro-intervento legislativo, ma c'è un problema di tempismo che rischia di rimandare tutto alle calende greche. Il mandato di Bortoni e dei suoi collaboratori scadrà l'11 febbraio. In queste settimane le varie forze politiche dovrebbero accordarsi sul prossimo board ma mancano ancora solide convergenze per ottenere la maggioranza dei due terzi. E quindi Bortoni potrebbe godere di una proporga di 60 giorni che però per legge consente solo la gestione della normale amministrazione – come l'aggiornamento tariffario trimestrale.

A marzo poi terminerà la legislatura. E quindi per la "bonifica", appuntamento al 2018. Nella più rosea delle ipotesi.


Tom's Consiglia

Per scoprire quanto consumino realmente i nostri elettromestici o dispositivi tecnologici è sufficiente dotarsi di un wattmetro da meno di 20 euro.