Tom's Hardware Italia
Home Cinema

Bono chiede scusa agli utenti iTunes e fa il botto di download

Il cantante degli U2 si scusa con gli utenti per la forzatura con cui è stato proposto l'ultimo album su iTunes.

A un mese di distanza dai no comment Bono Vox si scusa con i clienti Apple per avere forzato il download dell'album Songs of Innocence. "Mi dispiace, credevo di avere avuto una bella idea, mi sono fatto trasportare. Gli artisti sono inclini a queste cose. Un pizzico megalomania, un tocco di generosità, un po' di auto-promozione e la paura che le canzoni a cui ci siamo dedicati negli ultimi anni non siano ascoltate" hanno portato, nella spiegazione di Bono, alle contestazioni sotto gli occhi di tutti.

La frittata s'è fatta il 9 settembre, quando alla presentazione ufficiale degli iPhone 6 sono saliti sul palco gli U2 annunciando che tutti gli utenti iTunes avrebbero avuto in regalo il nuovo album della band. Un dono imposto, non richiesto, che non prevedeva la possibilità di scaricare liberamente l'album gratis, ma lo piazzava per default nella libreria degli oltre 500 milioni di utenti iTunes.

U2

A caval donato non si guarda in bocca certo, ma qui è entrata in ballo la questione dell'invasione di uno spazio privato di ciascun utente e c'è stata una pioggia di critiche. Tanto che Apple ha dovuto fare marcia indietro e tirare fuori dal cappello una patch per permettere la cancellazione dell'onta.

Di certo passerà molto tempo prima che qualcuno faccia di nuovo un'iniziativa simile, ma parlare di epic fail resta comunque un azzardo: nonostante tutto infatti il patto di ferro fra Bono e Apple ha portato a 26 milioni di download dell'album, che è stato ascoltato da più di 81 milioni di utenti Apple.

Songs Of Innocence (2CD Deluxe Edition) CD Songs Of Innocence (2CD Deluxe Edition) CD
Songs Of Innocence Vinile Songs Of Innocence Vinile

Contestazioni o no insomma l'operazione è riuscita alla grande, forse anche grazie alla pubblicità arrivata dal polverone di polemiche. Non sapremo mai quanti hanno scaricato l'album per capire meglio qual era l'oggetto tanto contestato, ma c'è da scommettere che non sono stati pochi.