Tecnologia

Bonus Cultura, 6 diciottenni su 10 snobbano i 500 euro

Il 60% dei diciottenni italiani sta snobbando il Bonus Cultura da 500 euro, solo il 40% infatti si è regolarmente iscritto alla piattaforma.Fortunatamente c'è ancora tempo per aderire (fino al 30 giugno 2017) e spendere (entro il 31 dicembre 2017), ma resta il fatto che ci si aspettava un'accoglienza più calorosa.

18 bonus

Alcuni osservatori sostengono che il meccanismo di registrazione si sia dimostrato troppo complesso e che l'offerta culturale abbia un po' deluso soprattutto i residenti nei centri più piccoli. E dire che si parla di 500 euro, una cifra che alcuni lavoratori guadagnano in circa tre settimane di attività – se non di più.

Abbiamo spiegato in passato che per ottenere il bonus bisogna aver compiuto 18 anni nel 2016 e disporre di identità digitale (SPID). Mamma mia lo SPID! Se a 18 anni non sei in grado di attivarlo tramite InfoCert, Sielteid, Tim o Poste italiane forse bisognerebbe preoccuparsi per i destini del paese.

SPID, come attivare l'Identità Digitale

Ad ogni modo dei 527.427 giovani diciottenni, 286mila hanno attivato un'identità digitale e 230mila si sono iscritti a 18app. Dei 290 milioni di euro ne sono stati spesi solo 18,5 milioni, poco più del 6%.

E dire che il bonus può essere impiegato per l'acquisto di biglietti o abbonamenti per il cinema, concerti ed eventi culturali, libri, musei, teatro, danza, etc. Sono rimasti esclusi CD, DVD e dispositivi elettronici ma non sembra una grave mancanza. In fondo l'obiettivo è quello di far uscire di casa i giovani e vivere esperienze culturali.

Bonus Cultura, qui per ottenere i 500 euro

Già, ma coloro che vivono nei piccoli centri? Beh, sicuramente godono di una minore offerta rispetto alle grandi città, ma questo è un problema del territorio. E se non si attiva il cittadino – oggi diciottenne ma domani pater o mater familias – non saranno certo le forze politiche a preoccuparsi della questione.

Dopodiché un cinema multisala o gli acquisti online sono alla portata di tutti. L'elenco degli esercenti, partner del programma è lunghissimo: Amazon, Internet Bookshoop Italia, Mondadori, La Feltrinelli, TicketOne, etc.