Fotografia

Canon EOS 2000D, 4000D e M50: l’evoluzione della specie

La Canon EOS 1300D, la reflex più venduta del 2017, dopo esattamente due anni di onorato servizio lascia il compito di ripeterne il successo a due nuove modelli, la EOS 2000D e la EOS 4000D, la prima delle quali caratterizzata dal noto sensore Canon APS-C da 24 Mpixel, utilizzato per altro anche sulla mirrorless M50, che racchiude in un corpo macchina compatto tutto il meglio della tecnologia Canon.

Inclusa (per la M50…) la possibilità di riprendere video in 4K, feature che il costruttore aveva sino ad ora guardato con sospetto perlomeno sui modelli di fascia medio-bassa; evidentemente le ragioni del marketing hanno prevalso sulle convinzioni tecniche, come spesso avviene.

Canon EOS 2000D 4000D M50 001
Massimiliano Ceravolo, direttore area Imaging Solutions di Canon Italia, presenta alla stampa specializzata i nuovi modelli durante l'evento del 19 febbraio scorso in occasione del concerto di Lorenzo Jovanotti che vede il sostegno di Canon in qualità di Digital Imaging Partner del Tour Lorenzo Live 2018

Canon EOS 4000D

Questa reflex entry level adotta lo stesso sensore APS-C della sua progenitrice, la nota unità da 18 Mpixel utilizzata in parecchie fotocamere degli anni passati, e lo stesso processore d'immagine DIGIC 4+, tuttavia appare come un downgrade della EOS 1300D poiché – al fine di contenere ulteriormente i prezzi – è stata semplificata sotto molti aspetti. Diventando così la reflex più economica del mercato, visto che sarà disponibile dal prossimo mese di aprile al prezzo di listino 419,99 Euro in kit con l'EF-S 18-55 mm f/3.5-5.6 III, il noto zoom standard non stabilizzato introdotto nel febbraio del 2011. È probabile che poi tale prezzo tenderà a calare ulteriormente nel corso dei mesi.

Canon EOS 2000D 4000D M50 002
La Canon EOS 4000D fotografata in anteprima italiana durante il giorno della presentazione ufficiale, quando ancora non se conosceva la sigla

In che cosa si differenzia dunque dalla EOS 1300D che l'ha preceduta? Il design è molto simile, cambiano davvero pochi particolari nella parte anteriore (manca l'illuminatore AF), un diverso design della ghiera dei modi – nella EOS 4000D integra anche l'interruttore di accensione – e l'assenza del tasto per sollevare il flash:

Canon EOS 2000D 4000D M50 003

Sul retro le differenze maggiori, dovute innanzitutto al display fisso che passa da 3" a 2,7" con 230 kpixel di risoluzione al posto di 920 kpixel.

Canon EOS 2000D 4000D M50 004
Insolita l'idea di porre il simbolo e il nome della funzione svolta dai tasti non stampata direttamente sugli stessi, ma all'esterno e l'assenza di una superficie antiscivolo in corrispondenza del pollice

La macchina è dotata di tecnologia Wi-Fi e si connette ai dispositivi mobili tramite l'app Canon Camera Connect (iOS e Android). Manca però l'NFC, il flash di pop-up è ad azionamento manuale, non è presente un altoparlante interno (utile per riascoltare l'audio dei video registrati) e non vi è la possibilità di controllo remoto. Insomma, un taglio notevole alle funzionalità all'insegna dell'essenzialità.

Ma non è tutto… manca anche la possibilità di regolare le diottrie del mirino e la baionetta di aggancio dell'obiettivo non è di metallo, ma di plastica, come sulla Sony SLT-A58.

Canon EOS 2000D 4000D M50 005
Una serie di semplificazioni sul corpo macchina hanno ridotto il peso della EOS 4000D a 436 gr. al posto che 485 gr. della EOS 1300D, mentre le dimensioni restano le medesime

Il modo movie resta il Full HD a 30p e l'HD a 60p e la capacità della batteria consente di registrare video HD per un'ora e 15 minuti.

Insomma, una reflex per chi si affaccia a questo mondo senza troppe pretese, per il neofita che vuole uno strumento minimale per iniziare sapendo comunque di poter contare su un parco ottiche di oltre 80 obiettivi!

Canon EOS 2000D

Discorso diverso per la EOS 2000D, che rappresenta un passo avanti rispetto alla EOS 1300D per un unico, importante, motivo: l'utilizzo del sensore CMOS APS-C Canon da 24,1 Mpixel già adottato sulle EOS 200D e EOS 800D.

Canon EOS 2000D 4000D M50 006

Per il resto, il processore d'immagine resta il DIGIC 4+, la velocità di scatto in sequenza di 3 FPS e il sistema AF quello elementare a 9 punti con uno solo centrale a croce. Tutte le caratteristiche sono le medesime della EOS 1300D, con un peso di soli 10 gr. inferiore. Evidentemente Canon non ha voluto cambiare le caratteristiche di un modello vincente disponibile sul mercato, in fondo, da soli due anni.

C'è stato però un ritocco nel prezzo, poiché la EOS 2000D costa 529,99 Euro in kit con l'EF-S 18-55 mm f/3.5-5.6 IS II, soldi a nostro avviso ben spesi.

Canon EOS 2000D 4000D M50 007
La EOS 4000D vista dall'alto con l'obiettivo fornito in kit. Si noti la pressoché totale uguaglianza con la EOS 1300D.

Canon EOS M50

La novità a nostro avviso più interessante fra quelle presentate riguarda però la EOS M50, che rappresenta davvero un prodotto maturo, ricco di funzioni, per affrontare una concorrenza agguerrita che porta il nome, innanzitutto, di Sony, visto che entrambe le macchine adottano un sensore APS-C.

Il costruttore la definisce addirittura la mirrorless più intuitiva e tecnologica che abbia mai realizzato!

Canon EOS 2000D 4000D M50 008
La Canon EOS M50 è disponibile in due colori, bianco e nero

Si tratta infatti della prima fotocamera Canon di questa serie in grado di registrare filmati in 4K, dotata di touchscreen orientabile e dell'innovativo processore DIGIC 8. Quest'ultimo permette di ottenere innanzitutto una maggior niditezza dell'immagine, include il DLO (Digital Lens Optimizer, qualcosa di simile a quello inventato da Fujifilm), effettua l'ottimizzazione automatica della luce e consente la priorità alle alte luci.

A tutto questo si aggiungono la connettività Wi-Fi e Bluetooth, il sensore CMOS in formato APS-C da 24,1 megapixel e lo scatto continuo a 10 FPS.

Canon EOS 2000D 4000D M50 009
EOS M50 integra la qualità delle reflex digitali Canon in un corpo elegante e compatto; misura infatti solo 116,3 x 88,1 x 58,7 mm e pesa 387 gr. inclusa la batteria

Per una messa a fuoco particolarmente efficace anche in modalità tracking, si è ampliata l'area di copertura dell'inquadratura e si è fatto uso di ben 143 punti, mentre per la parte video è stato adottato il già noto sistema Dual Pixel CMOS AF, ulteriormente migliorato, con rilevamento occhi:

Canon EOS 2000D 4000D M50 010
Canon EOS 2000D 4000D M50 011

Grazie al monitor LCD TFT touch screen orientabile da 7,5 cm di diagonale e 1,040 Mpixel di risoluzione, è possibile riprendere da angolazioni particolari e realizzare selfie.

Canon EOS 2000D 4000D M50 012

La funzione Touch and Drag AF consente di spostare il punto di messa a fuoco automatica in modo immediato e preciso senza staccare l'occhio dal mirino. Che, dal canto suo, vanta una risoluzione di 2,36 Mpixel ed è di tipo OLED.

La nuova mirrorless Canon s'integra senza difficoltà con i dispositivi smart, grazie all'app gratuita Canon Camera Connect per iOS e Android. La connessione Bluetooth a basso consumo energetico consente ai dispositivi multimediali di accedere alla fotocamera, anche in standby, e attivarla da remoto. Grazie a questa funzionalità il passaggio alla connettività Wi-Fi per le riprese Live View e il trasferimento delle immagini è semplice e immediato.

Foto e video possono essere trasferiti dalla fotocamera agli smart device in modo automatico per ottimizzare l'intero processo, dalla cattura alla condivisione sui sociali media.

Gli utenti possono inoltre controllare EOS M50 utilizzando la funzione Live View messa a disposizione dall'app Canon Camera Connect, modificare le impostazioni e visualizzare gli scatti in anteprima su uno smartphone o un tablet.

Notevole, come accennato, anche la parte video. A parte il 4K, è possibile riprendere in HD a 120 FPS, creando sequenze d'azione fluide e slow motion. La EOS M50 è anche la prima mirrorless Canon a raggiungere un burst rate di 10 FPS con AF bloccato sul primo fotogramma:

Canon EOS 2000D 4000D M50 013

EOS M50 è la prima fotocamera a prevedere il nuovo formato file RAW CR3 a 14 bit, oltre a una nuova opzione C-RAW che crea file ad alta risoluzione con grandezza del 30 – 40% inferiore rispetto a quella dei file RAW standard. Ciò consente di aumentare il numero di immagini archiviabili su una scheda memoria senza rinunciare alla flessibilità di questo formato.

Dal punto di vista delle ottiche, la nuova fotocamera adotta la gamma di obiettivi EF-M ma è ovviamente compatibilile con oltre 80 obiettivi intercambiabili EF ed EF-S tramite l'adattatore EF-EOS M. Un'apposita slitta permette inoltre di collegare in modo semplice i flash Speedlite Canon mentre grazie all'ingresso MIC da 3,5 mm è possibile collegare un microfono dedicato.

Canon EOS 2000D 4000D M50 014
Il 24-70 f/4 Canon serie L utilizzato con la M50 tramite l'adattatore EF-EOS M

In conclusione, la EOS M50 è sicuramente la mirrorless più intuitiva e tecnologica che Canon abbia mai realizzato, dotata delle funzionalità e delle tecnologie fotografiche più innovative. Sarà disponibile per l'acquisto a partire da aprile 2018 al prezzo di 749,99 euro nella versione in kit con obiettivo EF-M 15-45mm f/3.5-6.3 IS STM, un prezzo decisamente allettante in relazione alle caratteristiche!

Canon EOS 2000D 4000D M50 015
Canon EOS 2000D 4000D M50 016

Canon Speedlite 470EX-AI

La gamma dei famosi lampeggiatori Canon Speedlite si arricchisce di un nuovo modello, il 470EX-AI, che presenta per la prima volta al mondo una testa ad orientamento motorizzato automatico.

Questa rivoluzionaria tecnologia calcola l'illuminazione ottimale per la scena inquadrata e regola automaticamente la posizione della testa flash motorizzata, orientandola di conseguenza per l'ottenimento dei migliori risultati possibili.

Canon EOS 2000D 4000D M50 017

La funzione AI Bounce emette un lampo di prova per calcolare l'angolazione ideale in modo da ottenere una luce naturale.

La modalità completamente automatica manovra la testa del flash per ogni nuovo scatto, semplificando qualsiasi operazione e riducendo il tempo normalmente richiesto per valutare lo scatto e riposizionare manualmente il flash.

Per i più esperti, la modalità semi-automatica consente al fotografo di'impostare l'angolazione del flash di rimbalzo in funzione delle condizioni di scatto, quindi il lampeggiatore regolerà automaticamente la testa in funzione dell'orientamento della fotocamera. Questa tecnologia all'avanguardia consente ai fotografi di esprimere la propria creatività grazie ad un uso sapiente della luce, garantendo al tempo stesso continuità e uniformità fra uno scatto e l'altro. Una caratteristica essenziale per i fotografi che alternano spesso l'orientamento orizzontale a quello verticale.

Grazie alla rotazione della testa di 180° verso destra e verso sinistra e di 120° verso l'alto, la funzione AI Bounce consente ai fotografi di adattarsi ai diversi ambienti e di rimuovere le ombre indesiderate. Inoltre, l'adattatore esterno può essere posizionato su Speedlite 470EX-AI per ottenere una luce più morbida, particolarmente indicata per i ritratti.

Canon EOS 2000D 4000D M50 018

Speedlite 470EX-AI dispone di un numero guida 47, ideale per scattare in spazi ampi o in situazioni complesse, dove tutti i soggetti devono essere correttamente illuminati. Si adatta a lunghezze focali da 24 a 105 mm e a 14 mm tramite adattatore integrato, offrendo un'illuminazione ideale anche per scatti ultra-grandangolari.

Il tempo di ricarica è di appena 5,5 s con 4 batterie AA/LR6 e 3,5 s con le batterie ricaricabili NiMH, una caratteristica che sarà particolarmente apprezzata dai fotografi matrimonialisti e sportivi. Speedlite 470EX-AI dispone anche di una funzione di sincronizzazione ad alta velocità che consente di fare scattare il flash più volte in rapida successione e di utilizzare una velocità di otturazione più elevata.

Con 19 funzioni personalizzate, questo lampeggiatore offre un controllo creativo totale. Il ricevitore ottico wireless permette di utilizzarlo a 10 m di distanza dalla fotocamera, rendendo possibili nuove soluzioni creative, pur con i limiti della visibilità ottica del ricevitore rispetto al flash sorgente. Il display LCD è dotato di un'interfaccia intuiva e aiuta il fotografo nella lettura delle impostazioni flash, oltre che nella selezione della tipologia d'illuminazione. Infine, i pulsanti di scelta rapida e una ghiera di controllo consentono di accedere rapidamente alle varie impostazioni.

Il prezzo? 519 euro con disponibilità dal prossimo mese di maggio 2018.


Tom's Consiglia

Volete entrare nel mondo della fotografia senza spendere troppo? La Canon EOS 1300D è un ottimo punto di partenza.