Tom's Hardware Italia
Sicurezza

Captcha sconfitti dai Bot più intelligenti

Un'azienda specializzata in ricerche su reti neuronali ha creato un sistema che legge i captcha senza sbagliare.

Tutti nella nostra esistenza abbiamo incontrato un "captcha", cioè un immagine contenente lettere e/o numeri che vanno, spesso a fatica, riconosciuti per registrarsi a un forum o iniziare un download, e che serve a impedire la registrazione di robot. "Captcha" sta per "Completely Automated Public Turing test to tell Computers and Humans Apart" cioè un test di Turing per "distinguere" gli uomini dalle macchine, ed è stato inventato nel 2000 dai ricercatori dell'università Carnegie Mellon. Esistevano già software in grado di risolvere i captcha, ma spesso facevano un ingente uso di risorse computazionali pochi potevano permettersi di usarli in maniera proficua.

Una delle tecnologie più odiate del web… e non solo da chi sviluppa bot.

Adesso, però, un'azienda specializzata in Intelligenza Artificiale che si chiama Vicarious afferma di avere sviluppato una tecnologia in grado di risolvere il 90% dei captcha attualmente in uso, senza però richiedere ingenti risorse per funzionare. L'IA in questione non ha bisogno di "imparare" tanti dati prima di essere efficace, perché la tecnica su cui si basa è semplice: fa infatti uso di un sistema di riconoscimento visivo che mima il modo in cui il cervello umano processa le informazioni. Il co-fondatore di Vicarious, D. Scott Phoenix, afferma che "qualsiasi cosa che la gente fa con i propri occhi, è ora qualcosa che noi puntiamo a rendere automatizzato".

Ovviamente, Scott spera che il suo sistema non venga usato solo per risolvere i captcha.

Or maybe not…

Il vero obiettivo, infatti, è Vicarius possa vendere sistemi in grado di estrarre facilmente testi o numeri da immagini (come ad esempio in Google Street View), diagnosticare malattie comparando immagini di pazienti o farci sapere quante calorie stiamo per ingerire semplicemente guardando una foto del nostro pranzo. Vicarious ha approfondito una vecchia idea, cioè quella di usare un network neurale artificiale, con una variante: l'addestramento del sistema è avvenuto tramite immagini in movimento e non solo statiche, rendendolo così molto più flessibile.

Il sistema usato è in grado di risolvere i captcha di Paypal, Google, Yahoo ed altri servizi online famosi, con una percentuale di precisione che varia dal 90 al 99% a seconda del tipo di captcha da analizzare. Risulta, inoltre, particolarmente "bravo" a risolvere captcha composti da numeri o lettere che sembrano essere composti da impronte digitali, mentre ha qualche problema in caso ci siano caratteri posti su piani differenti (come ad esempio numeri in primo piano con altri caratteri sullo sfondo).

In ogni caso niente paura: Vicarious non ha intenzione di rilaciare il sistema al pubblico. Certo, degli hacker potrebbero anche decidere di comprarsi il software facendo finta di essere una società legittima, ma fino ad allora i gestori dei forum possono star più o meno tranquilli.