Criptovalute

CBDC, Edward Snowden le ha definite “valute criptofasciste”

Il 9 ottobre scorso l’informatore e sostenitore della privacy Edward Snowden, celebre per aver scatenato il cosiddetto “datagate” con le sue rivelazioni sui piani di sorveglianza delle agenzie segrete statunitensi, ha pubblicato un editoriale di opinione sulle valute digitali delle banche centrali, o CBDC, affermando che le CBDC sono “il più recente pericolo all’orizzonte pubblico”. Snowden ha sottolineato che anziché essere un’innovazione, le CBDC sono “più vicine ad essere una perversione della criptovaluta” e una “valuta criptofascista”.

“Ti dirò cos’è una CBDC – NON è, come Wikipedia potrebbe dirti, un dollaro digitale”, ha sottolineato Snowden nel suo articolo. “Dopotutto, la maggior parte dei dollari sono già digitali, esistono non come qualcosa piegato nel portafoglio, ma come una voce nel database di una banca, fedelmente richiesta tramite smartphone. Una valuta digitale della banca centrale non è un’apertura a livello statale delle criptovalute – almeno non delle criptovalute come le concepiscono attualmente praticamente tutti quelli che nel mondo la usano”, ha scritto nell’articolo.

Snowden ha poi concluso dicendo che vorrebbe chiedere ai membri della Fed, del Tesoro e del governo degli Stati Uniti se il denaro debba essere centralizzato dallo Stato. “Di tutte le cose che potrebbero essere centralizzate e nazionalizzate nella vita di questo povero uomo, dovrebbero davvero essere i suoi soldi?” Snowden chiede nella conclusione del suo articolo.