Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
IoT

Chi vince Euro 2016? Parola all’intelligenza artificiale

Chi vincerà Euro 2016? È la domanda che assilla ogni tifoso di calcio in questo periodo e probabilmente non basteranno le prime partite per capire qual è la nazionale più in forma del torneo. Si può provare a indovinare, certo, ma affidarsi al caso potrebbe non bastare.

Negli anni scorsi il polpo Paul era visto come un infallibile oracolo per gli scommettitori, ma quest'anno il Politecnico Federale di Losanna ha pensato bene di non "schiavizzare" nessun cefalopode e di rivolgersi all'intelligenza artificiale.

euro 2016 paul octopus
Le previsioni affidate ai polpi hanno lasciato spazio all'intelligenza artificiale

Un gruppo di ricercatori ha infatti sviluppato kickoff.ai, un sito che calcola i probabili vincitori dei match di Euro 2016 usando un modello più complesso e accurato rispetto ai tradizionali metodi statistici. Dei sette incontri che si sono già svolti il sistema ha indovinato cinque vincitori su sette, non aspettandosi che l'Inghilterra si facesse riacciuffare sul finale dalla Russia o che Gareth Bale riuscisse a superare la Slovacchia.

Per quanto riguarda la partita degli Azzurri di questa sera con il Belgio, siamo dati vittoriosi al 52%, quindi potremmo portare a casa un successo di misura per 1-0, anche se non ci sarebbe nulla di cui meravigliarsi nel caso di un pareggio viste le percentuali simili.

Il modello usato dai ricercatori si basa su una combinazione di algoritmi di machine learning e data mining. "Il nostro metodo usa i dati di ogni singolo giocatore di una squadra, non le prestazioni passate della squadra di ogni paese. Questo espande il nostro insieme di dati a migliaia di partite", ha spiegato il ricercatore Victor Kristof.

victor kristof
Il ricercatore Victor Kristof, ideatore insieme ad altri due colleghi di kickoff.ai

Kickoff non determina solo qual è il team migliore, ma calcola esattamente anche "di quanto" è migliore. Tra i numeri analizzati dal sistema troviamo quanto tempo spende un giocatore in capo, se la squadra del giocatore ha vinto la partita, se questa si è svolta in casa o trasferta. La forza di ogni team è calcolata quindi su una quantità impressionante di dati sui singoli componenti della rosa raccolta nell'arco di dieci anni.

Leggi anche: Europei 2016, guida ai prodotti tech per veri tifosi

Oltre a questo i ricercatori hanno applicato il teorema di Bayes per calcolare il peso di ogni giocatore nella statistica sulla base del grado d'incertezza della previsione. "Se la Germania gioca con l'Islanda, ad esempio, la probabilità che la Germania vinca è (sulla carta) elevata. L'Islanda però non ha mai partecipato alle fasi finali di un Europeo e quindi potrebbe giocare meglio di quanto è solita fare. Nelle considerazioni usate per la nostra previsione si tiene conto anche di questo", ha aggiunto Lucas Maystre, un altro ricercatore.

euro 2016 match JPG
Con il Belgio ce la giochiamo, vittoria…sul filo di lana?

I test svolti con i risultati di Euro 2012 hanno dimostrato che il modello del Politecnico restituisce previsioni migliori rispetto ai metodi convenzionali. "Le nostre previsioni sono solo probabilità. Il calcio non è una scienza esatta. Fortunatamente, per i tifosi, c'è sempre un elemento d'imprevedibilità", ha affermato Kristof. Gli algoritmi sviluppati, al di là di dire chi vincerà l'Europeo, potrebbero avere una serie di altre applicazioni e, potenzialmente, dar luogo ad ulteriori progressi nell'uso del machine learning.

In attesa che kickoff.ai ci dica il nome del vincitore di Euro 2016, il motore di ricerca Bing dice che la finale sarà Spagna – Germania, e a trionfare saranno i tedeschi. Bing aveva previsto con successo l'andamento del referendum scozzese, l'ultima Coppa del Mondo di calcio, gli Oscar e altri eventi.