Tom's Hardware Italia
Tecnologia

Come costruirsi un iPhone 6s da soli spendendo 300 dollari

Un ex ingegnere Google, affascinato dai misteriosi mercatini dell'elettronica diffusi in Cina, ha deciso di costruirsi un iPhone 6s a mano, acquistando tutto il necessario con una spesa di circa 300 dollari.

È possibile costruirsi da soli un dispositivo hi-tech come ad esempio uno smartphone, che invece siamo abituati a pensare come un prodotto industriale seriale?

Secondo Scotty Allen sì, come dimostra nel suo video, in cui con una spesa di circa 300 dollari (circa 282 euro) è riuscito ad assemblare un iPhone 6s perfettamente funzionante.

Tutto è nato dal fascino esercitato sul giovane ex ingegnere di Google dai mercatini dell'elettronica di Shenzen, la nuova Silicon Valley, in cui si è trovato a vivere per diverso tempo. Incuriosito dalla loro stessa esistenza, Allen ha deciso di capire lo scopo e il senso di negozi in cui è possibile trovare di tutto, dai singoli chip alle schede madri non ancora popolate.

L'intento di realizzarsi da sé un iPhone 6s nasce quindi come modo per verificare anzitutto se da un punto di vista tecnico fosse realmente possibile reperire tutti i componenti e trovare persone col know-how giusto per assemblarli e come strumento per comprendere una cultura assai distante dalla nostra. Il risultato è un viaggio al tempo stesso tecnologico e culturale, raccontato in un affascinante video di 23 minuti, che trovate di seguito.

basicparts

La ricerca dei singoli pezzi diventa così anche occasione di esplorare e conoscere un mondo che sembra scaturito dalla penna di William Gibson o da Blade Runner, fatto di bancarelle e negozietti angusti, stipati di macchinari apparentemente maltenuti, scocche unibody di tutti i tipi e colori, pannelli video, schede logiche, chip e strumenti di tutti i tipi.

Allen acquista prima la scocca, che farà poi rifinire al laser all'interno per ricavare gli alloggi mancanti per la cavetteria, poi metterà assieme lo schermo, acquistando vetro protettivo, pannello LCD e retroilluminazione. La parte più difficile però è indubbiamente quella legata alla componentistica hardware. Dopo aver provato a saldare manualmente i singoli componenti su una scheda logica già pronta ha dovuto rinunciare all'idea a causa di insormontabili difficoltà tecniche, ripiegando su una scheda originale con memoria da 16 GB.

Alla fine la spesa totale per assemblare il proprio iPhone 6s ha raggiunto quota 1000 dollari, ma escludendo gli acquisti di attrezzi e componenti poi inutilizzati, Allen valuta un costo di circa 300 dollari, non lontano quindi dal valore di mercato di un iPhone 6s di serie, a cui ovviamente vengono aggiunti i costi di ricerca e sviluppo, distribuzione, marketing e il margine di guadagno.

Man mano, guidato anche da un giovane nerd locale che lo accompagna e lo consiglia, l'iPhone prende forma, fino al sorprendente risultato finale. Ciò che emerge da questo incredibile incontro culturale però è soprattutto una visione profondamente diversa del mercato, dei dispositivi, della tecnologia e in ultima analisi della produzione seriale.

iphone 6s plus multitasking hero

Nelle sue peregrinazioni per Shenzen infatti Allen fa emergere soprattutto l'esistenza di un vero e proprio mondo parallelo, fatto di riuso – anche creativo – della componentistica, antitetico a quello che conosciamo. Qui la tecnologia è vissuta come realizzazione artigianale, prodotto di persone in grado di unire conoscenze tecniche e componenti per creare singoli pezzi o interi dispositivi, all'insegna del riciclo. L'iPhone 6s realizzato in nove mesi da Allen diventa così il simbolo di una visione nuova del mercato, che non è consumo (acquisto, uso e smaltimento di prodotti di cui non sappiamo in fondo nulla), ma creazione e recupero continuo.

Non sappiamo se queste siano le prime avvisaglie di un possibile cambiamento, ma forse la risposta a un mercato sempre più ipertrofico e totalizzante potrebbe stare proprio nel riappropriarsi del senso più profondo di un prodotto, come strumento frutto del lavoro e dell'ingegno e non come semplice materiale da consumare.