Streaming e Web Service

Commissione UE: ecco il comparatore tariffario per le spedizioni di pacchi (e funziona!)

La Commissione UE ha inaugurato un comparatore tariffario per le spedizioni dei pacchi all’interno dell’Unione Europea tra una nazione e l’altra. Si tratta di un’iniziativa volta a “migliorare la trasparenza e facilitare” questo tipo di servizio.

“Il comparatore aiuta i singoli clienti e le piccole e medie imprese a informarsi meglio sui servizi di consegna transfrontaliera dei pacchi per spedire i propri prodotti in un altro paese dell’UE”, spiega l’AGCM che ha pubblicato su Medium una nota al riguardo.

Nello specifico la pagina web – a dire la verità piuttosto spartana – mostra i prezzi pubblici relativi alle categorie di peso più frequentemente utilizzate, “in particolare per i servizi di spedizione standard, registrati e tracciati per lettere di 500 g, 1 e 2 kg e per pacchi standard e tracciati di 1, 2 e 5 kg da e a tutti gli Stati membri”.

Selezionando paese di origine e destinazione, nonché tipo di pacco, si ottiene un elenco di spedizionieri con abbinato il nome del tipo di servizio (più i dettagli) e la tariffa. “I prezzi indicati sono relativi ad offerte al pubblico per singole spedizioni e non includono sconti negoziati su base contrattuale”, sottolinea l’AGCM. Ad esempio una spedizione dall’Italia alla Francia di un pacco da 5 kg con tracciamento attivo può costare dai 22 euro di GLS ai 138 euro di UPS.

Attualmente il database e riporta i prezzi di oltre 400 fornitori con sede nella UE, con oltre 46.000 prezzi per servizi simili. “Ciascuna autorità di regolamentazione postale ha raccolto i prezzi di tutti i fornitori nazionali di servizi di spedizione di pacchi con più di 50 dipendenti o stabiliti in più di uno Stato membro”, conclude il Garante. “La pagina web sulla trasparenza dei prezzi è stata creata dalla Commissione conformemente al regolamento (UE) 2018/644 relativo ai servizi di consegna transfrontaliera dei pacchi adottato nel 2018. I prezzi saranno aggiornati ogni anno entro il 31 marzo”.