Home Cinema

Comparativa: sei sistemi home-cinema 2.1

Pagina 1: Comparativa: sei sistemi home-cinema 2.1

Introduzione

Per molto tempo "home-cinema" è stato sinonimo di sistema 5.1, una definizione che risale all’epoca in cui comparvero sul mercato i primi DVD e i sistemi Dolby Digital. Sarebbe più corretto definire i prodotti che abbiamo testato "sistemi audio-video", piuttosto che sistemi home-cinema, in quanto si tratta semplicemente di kit più facilmente integrabili nello spazio domestico, e la cui installazione non prevede particolari difficoltà. Esistono diverse formule, ma la soluzione più comune prevede due altoparlanti anteriori, un subwoofer e un elemento centrale che integra l’elettronica, un lettore DVD e un sintonizzatore radio FM.

Per il televisore: l’HDMI


Per le connessioni, meglio sfruttare l’uscita HDMI, che offre audio e video digitali, presente ormai su tutti i moderni televisori.

I sistemi audio-video testati integrano anche un lettore DVD, quindi vanno collegati al vostro televisore. Spesso, inoltre, il collegamento al televisore è imprescindibile, già che questo serve anche per visualizzare l’interfaccia utente del sistema audio-video. Il collegamento può essere fatto via presa SCART, se avete un vecchio televisore, o mediante la presa HDMI (High Definition Multimedia Interface), qualora il televisore sia più recente. È da preferire la seconda, perché molto più pratica e in grado di offrire prestazioni migliori.

I sistemi testati hanno una sola uscita HDMI, e consentono di collegare quindi soltanto un televisore in HDMI. I collegamenti audio sono più tradizionali, ma non sono molto numerosi, poiché, vista l’integrazione del lettore DVD e del sintonizzatore radio FM all’interno del sistema 2.1, difficilmente verranno collegati dei dispositivi audio esterni. Ciò nonostante, è bene sempre verificare prima dell’acquisto il numero d’ingressi line-in, utilizzabili per tutti i dispositivi audio tranne giradischi e microfoni, e quello degli ingressi e delle uscite digitali, ottiche e coassiali. Molti modelli in effetti, lasciano un po’ a desiderare su questo fronte.