Tom's Hardware Italia
IoT

Comprare Photoshop e Office usati si può, risparmi fino al 70%

Sbarca in Italia Vendosoft, società tedesca specializzata nella compravendita di licenze software. Consente risparmi sostanziosi sui prodotti Adobe e Microsoft.

La tedesca Vendosoft arriva in Italia con il suo servizio per la compravendita di licenze software. Proprio così, questa società rende possibile vendere le proprie licenze software e comprarne di usate, risparmiando qualcosa (o molto) su uno dei costi per la propria attività o azienda. Il servizio è dedicato alle imprese, organizzazioni ed enti pubblici, mentre non è accessibile ai privati. L’azienda tedesca entra nel nostro paese in concorrenza con alcune realtà nazionali, come per esempio Resoft, di cui abbiamo parlato qualche anno fa.

Tramite il sito di Vendosoft è possibile vendere licenze Microsoft o Adobe, che poi altri utenti potranno ricomprare. Similmente, è possibile acquistare una licenza risparmiando percentuali sostanziose rispetto al prezzo originale. Comprando una licenza da loro, inoltre, si impegnano a ricomprarla a un prezzo prestabilito, entro tre anni.

Si tratta di una pratica che molti ancora ritengono impossibile, giacché quando si “compra” un software in verità si acquisisce il diritto di usarlo in licenza. Tuttavia la licenza prevede la possibilità di installare il software su un computer diverso, per esempio quando se ne compra uno nuovo. Da tale possibilità deriva anche l’opzione di venderlo a qualcun altro, al prezzo che vogliamo.

Già, ma è legale rivendere una licenza? Sì, lo è all’interno della UE, come ricorda la stessa Vendosoft nelle FAQ, in virtù della sentenza dalla Corte di Giustizia Europea del 3 luglio 2012, a cui fanno eco i pronunciamenti di alcune corti nazionali. Sentenza a cui dedica, comprensibilmente, una pagina speciale. In sintesi, i giudici hanno sancito che l’intestatario della licenza ha anche il diritto di rivenderla a chi desidera, e che i diritti del produttore si esauriscono al momento della prima compravendita (del prodotto originale).

Si rende così possibile un risparmio fino al 70% (nel caso di Office 2010) rispetto al software nuovo, ma gestire il trasferimento di proprietà non è semplice né rapido – la procedura potrebbe costare, in termini di ore lavoro, più di quanto si risparmia. Qui entra in gioco un intermediario come Vendosoft, che è solo una tra le società nate negli ultimi anni e dedite a questa specifica attività. Vendosoft, tra l’altro, si assicura anche che il venditore rimuova il software venduto dai propri computer, per garantire la totale legalità dell’operazione.

L’azienda, tramite il suo rappresentante Andrea Migoni, ha rilevato che anche in Italia esiste un mercato per le licenze usate, e che sono molte le aziende nel nostro paese interessate a questa opzione. Da quando hanno aperto nel nostro Paese, infatti, pare che i potenziali clienti non abbiano smesso di cercarli. La strada della licenza usata, comprensibilmente, non è percorribile con i prodotti in abbonamento come Microsoft Office 365 oppure Adobe Creative Cloud.

 Tutti in casa abbiamo un sacco di roba che non usiamo più. Vendendola si può guadagnare qualcosina.