Criptovalute

Criptovalute, la Russia vuole limitarne l’acquisto da parte di investitori non accreditati

Secondo quanto riportato dal presidente del Comitato per i mercati finanziari della Duma di Stato russa, Anatoly Aksakov, i legislatori del parlamento del Paese starebbero prendendo in considerazione una nuova legislazione per limitare gli investimenti in criptovaluta da parte di investitori non accreditati. Il funzionario ha pronunciato le sue osservazioni durante un evento sostenuto dalla Banca di Russia dedicato alla protezione dei consumatori finanziari.

“Le valute digitali sono soggette alla nostra maggiore attenzione e cercheremo di fornire la massima protezione ai nostri cittadini che investono in risorse digitali perché è un nuovo strumento ed è piuttosto difficile per un investitore non qualificato”, ha detto Aksakov.

L’investimento in criptovaluta è associato a molti rischi e rendimenti promettenti, con investitori globali che versano miliardi di dollari in criptovalute, ha detto Aksakov. “Abbiamo certamente bisogno di fornire una legislazione specifica per proteggere un investitore non professionale da investimenti sconsiderati in valute digitali”, ha affermato.

Le ultime notizie sono in linea con i nuovi piani della Banca di Russia per rallentare le transazioni verso gli scambi crittografici al fine di proteggere gli investitori al dettaglio dagli acquisti “emotivi” di criptovalute. Sergey Shvetsov, il primo vice governatore della Banca di Russia, ha sostenuto che questa misura proteggerebbe gli investitori russi dalle perdite in uno scenario in cui il mercato delle criptovalute “crolla a zero”.

Criptovalute come bitcoin del resto sono emerse come uno strumento di investimento popolare in Russia. Secondo un sondaggio di agosto dell’Associazione russa dei commercianti forex, il 77% degli investitori russi ha affermato che le criptovalute sono l’investimento “più lungimirante”.