e-Gov

Dalla Corea le batterie del futuro

Un gruppo di ricerca della Corea del Sud, guidato da Cho Jae-Phil, dell'Università di Hanyang, ha trovato il modo di aumentare di otto volte la durata delle batterie di notebook e telefoni.

Il gruppo ha sostituito la grafite dell'elettrodo negativo con particelle di silicio poroso, formato da anidride silicica e fluoruro d'idrogeno. L'idea di usare il silicio nelle batterie non è nuova, ma fin'ora non si erano viste applicazioni pratiche, possibili grazie al fatto che questo materiale si espande, a contatto con il litio.

I ricercatori hanno depositato quattro diversi brevetti in Corea, Stati Uniti, ed Unione Europea. La produzione commerciale potrebbe cominciare tra quattro anni, secondo Cho. Al momento i lavori continuano, orientati all'integrazione di questa tecnologia con i pannelli solari.

 

Con queste batterie un portatile potrebbe avere fino a dieci ore di autonomia, un telefono potrebbe stare accesso per settimane, un navigatore GPS non avrebbe bisogno di essere alimentato nemmeno per viaggi lunghi, e si potrebbe giocare con una consolle portatile per giorni.

Meno cicli di carica, inoltre, significano meno consumi, quindi un impatto ambientale minore, per persona.

Non possiamo che dare il benvenuto a tecnologie che ci fanno risparmiare energia e ci aiutano a proteggere l'ambiente. D'altra parte, potrebbero servire anche per fare le cose che amiamo di più, per un tempo otto volte maggiore.