Tom's Hardware Italia
Fotografia

DJI Osmo Pocket – Recensione


DJI Osmo Pocket
Registrazione
1080p 60 FPS, 4K 60 FPS
Formati
MP4/MOV (MPEG-4 AVC/H.264)
Archiviazione
MicroSD capacità massima: 256 GB
Slow Motion
No
Auto Focus
Si
DJI Osmo Pocket è un videocamera compatta, in grado di registrare video in 4K e 60 FPS, montata su un gimbal che permette di stabilizzare le inquadrature.

DJI Osmo Pocket è un videocamera compatta, in grado di registrare video a risoluzione 4K e 60 FPS, montata su un gimbal che permette di ottenere una stabilizzazione ottimale della scena inquadrata in ogni condizione. Il termine “Pocket”, tascabile, rende perfettamente l’idea della dimensione di questo piccolo concentrato di tecnologia: potrete riporla in qualsiasi tasca, è più piccola di uno smartphone ed è leggerissima. Considerate le dimensioni, sembra quasi impossibile che riesca a mantenere le promesse offerte, cioè registrare video di qualità fino alla risoluzione 4K e 60 FPS, ma è proprio ciò che offre.

Se vi piace registrare video, siete un creator, avete un canale youtube, o semplicemente state cercando un modo semplice per creare ricordi di alti qualità, la Pocket fa per voi.

Come è fatta

Il corpo principale della DJI Osmo Pocket è anche l’impugnatura, che include tutto il necessario per il suo funzionamento, inclusa la batteria. Sul fondo una porta USB-C permette di ricaricare la batteria, ma è anche una porta generica che permette di collegare, ad esempio, un adattatore USB-C / Jack audio per connettere un microfono esterno.

A metà impugnatura un tasto serve per accendere la DJI Osmo Pocket e selezionare la modalità: un click per passare dalla modalità foto a quella video, due click per centrare l’inquadratura, tre click per passare dalla modalità ripresa a quella selfie, cioè per ruotare la videocamera di 180 gradi verso il nostro volto. Il secondo tasto è quello per lo scatto delle foto o la registrazione video.

Tra i tasti e lo schermo LCD superiore c’è una slitta con contatti a caldo che ha il duplice scopo di ospitare il connettore Lightning o USB-C per la connessione a uno smartphone, o accessori, come ad esempio il controller aggiuntivo per il movimento dell’ottica. Nella superficie sinistra un porta MicroSD ospita una memory card dalla dimensione massima di 256 GB.

Lo schermo LCD touchscreen mostra la scena inquadrata, ma permette anche di controllare le funzioni avanzate della DJI Osmo Pocket, come vedremo tra poco. La minuscola – ma nemmeno troppo – ottica è collegata sopra al manico e si muove in tutte le direzioni per offrire la massima stabilizzazione. Diversamente da altri prodotti, come ad esempio la GoPro Hero 7 che offre una stabilizzazione software, DJI Osmo Pocket offre una stabilizzazione meccanica, decisamente efficace.

Accessori inclusi nella confezione

Assieme alla DJI Osmo Pocket nella confezione troverete i connettori USB-C e Lightning per la connessione con lo smartphone, un cavo USB-C per la ricarica della batteria, una custodia rigida per il trasporto e un cordino con asola per trasportarla agevolmente. La custodia è fatta in maniera tale da non dover scollegare il connettore per smartphone, mentre un foro sottostante permette di collegare il cavo USB-C, così potrete ricaricare la batteria senza estrarre la Pocket dalla custodia.

Modalità di ripresa

Video

Come detto in precedenza con DJI Osmo Pocket potrete registrare video fino alla risoluzione 4K e 60 FPS. In realtà potrete selezionare solo la risoluzione 4K e la Full HD, e la velocità di frame rate, 25, 30, 50 e 60 FPS. Oltre ai classici video potrete anche creare piccole opere d’arte con le riprese in Timelapse, Motionlapse e Hyperlapse. Nella videorecensione più sotto vi mostriamo la qualità di registrazione e alcuni effetti che potrete ottenere.

Foto

Le foto sono scattare a risoluzione 12 Megapixel. Potrete unicamente scegliere il formato, 3:2, 4:3 e 16:9, e attivare un conto alla rovescia di 3, 5 e 7 secondi. Potrete anche creare con un click dei panorami, evitando di muovervi come accade con uno smartphone, e lasciando che sia la DJI Osmo Pocket ad effettuare gli scatti necessari per creare il panorama, dovrete solo tenerla ferma per un paio di secondi. C’è anche una modalità 3×3, che cattura un mosaico di appunto 3×3 scatti per creare un panorama allargato.

Tracking

A tutte le risoluzioni e velocità di ripresa, ad eccezione della 4K @ 60 FPS, potrete attivare la funzione di tracking di un oggetto, o il face tracking nel caso riprendiate una persona o utilizziate la modalità selfie.

Per attivarla è sufficiente fare un doppio click sullo schermo LCD, comparirà un quadrato verde e un messaggio vi avviserà che il tracking è attivo.

Stabilizzazione

Sono tre le modalità di stabilizzazione: “Followed” effettua dei movimento morbidi allo spostamento dell’inquadratura, e l’ottica vi seguirà nei movimenti. “Tilt Locked” blocca l’asse verticale, potrete tenere inquadrato un soggetto anche quando muovete DJI Osmo Pocket in alto o in basso. FPV invece è una modalità “Followed” meno morbida e più diretta.

Dipende da quello che vorrete inquadrare, ad esempio nella nostra prova abbiamo sempre usato la modalità “Followed” per inquadrare scene o altre persone, mentre nella modalità “Selfie”, con l’ottica rivolta verso di noi, abbiamo preferito la modalità “FPV”, poiché seguiva più velocemente i nostri cambi di inquadratura, senza però perdere la stabilizzazione.

Modalità smartphone

DJI Osmo Pocket è pensata sia per funzionare in completa autonomia, sia collegata a uno smartphone, iPhone o Android. Dovrete collegarla a uno smartphone alla prima accensione per “attivarla”. Scaricate l’applicazione, collegate DJI Osmo Pocket allo smartphone e quest’ultimo diverrà lo schermo e l’interfaccia di controllo.

Il vantaggio di collegare uno smartphone risiede non solo nell’immediatezza del controllare alcune funzioni, ma permette anche di orientare l’ottica tramite un joypad virtuale (senza dovrete muovere manualmente l’ottica o acquistare un accessorio). Inoltre, da non sottovalutare assolutamente, lo schermo grande vi farà capire se e quali soggetti sono a fuoco. Il piccolo schermo integrato in Pocket è troppo piccolo per farvi capire, a colpo d’occhio, se la scena è a fuoco o meno.

Intendiamoci, abbiamo registrato diversi video dove, in alcuni frangenti, i soggetti inquadrati non erano subito perfettamente a fuoco, ma il filmato risultante era ugualmente molto piacevole. Difficilmente, a meno di primi piani molto ravvicinati, l’effetto bokeh sarà molto pronunciato. Un bene, secondo noi, considerando la natura dell’oggetto. Al contrario, chi ricerca effetti artistici particolari, dovrà avere molta pazienza.

Qualità dei video

Oltre a risoluzione e velocità di ripresa, anche la qualità generale dell’immagine è importante. Il risultato dei nostri test è buono e soddisfacente. Non potete pensare di avere le stesse prestazioni di una DLSR con una buona ottica, nonché la stessa flessibilità, ma considerando la natura della DJI Osmo Pocket nonché l’ottima stabilizzazione, difficilmente ci si può lamentare.

Forse la messa a fuoco non sempre precisa e veloce è la caratteristica che più ci manca. Tutto questo è valido in condizioni di buona luminosità. Con luminosità discreta, il sensore inizia a mostrare il fianco catturando un po’ di rumore video, mentre in notturna ci troviamo davanti a prestazioni simili a quelle che è in grado di offrire uno smartphone.

Qualità audio

DJI Osmo Pocket ha due microfoni, uno davanti e uno dietro, e la qualità in questo caso è solo sufficiente. Non è soddisfacente se il vostro obiettivo è realizzare dei contenuti di qualità professionale, poiché catturano un’ampio spettro sonoro e di conseguenza anche tutta la rumorosità ambientale.

Se volete usare DJI Osmo Pocket per contenuti professionali – ed è possibile farlo – dovrete affidarvi a un microfono esterno da collegare alla Pocket tramite l’apposito adattatore. Nella videorecensione qui sotto abbiamo registrato sia con il microfono ambientale sia con un microfono aggiuntivo collegato, quindi se volete avere un’esperienza diretta della qualità, date un’occhiata alla videorecensione.

Esperienza sul campo

Portate DJI Osmo Pocket sempre con voi, e quando avrete necessità di scattare una foto o registrare un video, vi basteranno pochi secondi. Le azioni e il tempo necessario non sono differenti da quelle necessarie per fare lo stesso con uno smartphone. Ovviamente usandola stand alone, se vorrete collegarla allo smartphone dovrete mettere in conto qualche secondo in più. Dalla pressione del tasto di accensione alla piena operatività ci vorrà poco meno di 5 secondi.

L’ingombro generale fa veramente la differenza, non è passato giorno in cui siamo usciti senza durante tutto il periodo di test. Se vi piace registrare e pubblicare video su Facebook, Instagram e YouTube, inquadrandovi in “modalità selfie”, amerete la DJI Osmo Pocket. Il tracciamento del volto e la stabilizzazione vi permettono di registrare video in movimento di qualità. L’unica pecca, in questo caso, è la qualità audio, che non sarà un problema se vorrete realizzare il filmino delle vacanze, ma non sufficiente se volete fare comunicazione digitale.

Amerete anche la possibilità di creare piccoli capolavori con la funzione Timelapse, Motionlapse e Hyperlapse. Il piccolo schermo è comunque limitante, soprattutto perché per forma e dimensione non vedrete mai l’intera scena inquadrata

Accessori

Accessori Osmo Pocket

Esistono già molti accessori per DJI Osmo Pocket, da un kit che include una basetta che aggiunge il Wi-Fi, per il controllo remoto, una basetta di ricarica da scrivania che include anche la filettature per montarla su un cavalletto al “controller wheel”, che aggiunge a Pocket la possibilità di controllare l’orientamento dell’ottica anche senza smartphone.

Autonomia

Secondo DJI l’autonomia è pari a 140 minuti, una durata che può essere raggiunta se registrate a risoluzione Full HD e senza movimenti del gimbal. L’attività di movimento (stabilizzazione) assieme a una risoluzione o frame rate superiore incidono sulla durata della batteria, arrivando a dimezzarla. Con un uso spinto alla massima risoluzione potete puntare a un’ora circa di registrazione. È un problema ? Non crediamo, poiché anche se vorrete usarla in maniera intensiva, basterà portare con sé una batteria esterna per ricaricare la batteria da 875 mAh della DJI Osmo Pocket nei momenti in cui non lo starete usando.

Una ricarica completa avviene in poco più di un’ora, quindi anche piccoli intervalli permetteranno di avere sempre abbastanza autonomia per registrare la clip successiva.

Videorecensione

Verdetto

DJI Osmo Pocket è la scelta perfetta per chi è alla ricerca di un prodotto in grado di registrare video di qualità, stabilizzati, in un ingombro estremamente ridotto. Potrete usarla stand-alone, o anche collegata a uno smartphone per avere maggior controllo sulla ripresa effettuata. L’unico neo di Pocket è la qualità dell’audio, accettabile nel caso di riprese amatoriali, ma insufficiente nel caso vogliate registrare un video professionale. Ovviamente non avrete il controllo e qualità offerto da una DLSR, ma se il vostro scopo è creare video per YouTube o i social, i risultati che permette di ottenere sono più che adeguati.

Il prezzo di 359 euro è, tutto sommato, giustificato dalle potenzialità di stabilizzazione e dalla compattezza generale. Tuttavia DJI Osmo Pocket riesce a dare il meglio di se in abbinamento ad alcuni accessori. Mettete in conto ulteriori 40 euro per l’adattatore USB-C / Jack (non funziona qualsiasi adattatore, dovrete prendere l’originale DJI) e un microfono, se già non né avete uno. E se volete il massimo, anche un treppiede o clip per telefono, che vi permette d’impugnare con una sola mano in sicurezza la DJI Osmo Pocket collegata a uno smartphone.

Con una configurazione del genere sarete in grado di registrare video di qualità, mantenendo il peso e l’ingombro dell’attrezzatura veramente ridotto.

DJI Osmo Pocket

Osmo Pocket è un videocamera compatta, in grado di registrare video a risoluzione 4K e 60 FPS, montata su un gimbal che permette di ottenere una stabilizzazione ottimale in ogni condizioni. Il termine “Pocket” rende perfettamente l’idea della dimensione di questo piccolo concentrato di tecnologia: è più piccolo di uno smartphone (121,9 × 36,9 × 22,75 mm) ed è leggerissimo (solo 116 grammi).


Verdetto

Osmo Pocket offre una stabilizzazione di primo livello assieme a una buona qualità di registrazione in un dispositivo ultra-compatto. L’ideale per chi vuole registrare video e scattare foto di qualità senza dover portare con se attrezzatura ingombrante e costosa. Non può sostituire una fotocamera / videocamera professionale, ma offre molto valore per un dispositivo tascabile.

Pro

- Stabilizzazione
- 4K @ 60 FPS
- Compattezza
- Possibilità di usarlo senza necessità di smartphone
- Qualità video

Contro

- Qualità del microfono
- Gli accessori sono costosi