Tom's Hardware Italia
Droni

Dronecode: il cuore Linux dei droni è ora più forte che mai

La Fondazione Linux ha creato Dronecode per favorire lo sviluppo e la collaborazione del software dedicato ai droni.

La Fondazione Linux ha dato vita al "Dronecode Project", un'iniziativa che punta alla creazione di una piattaforma condivisa per i veicoli a pilotaggio remoto o automatici, vale a dire i famosi droni. Tra i partner ci sono anche 3D Robotics, alcuni scienziati in forza all'Università di Zurigo, la cinese Baidu, Box (azienda di cloud storage), Intel, Qualcomm e altri.

La base di partenza è la citata piattaforma APM di 3D Robotics, che include già moltissimi strumenti a disposizione degli sviluppatori (script, librerie, applicazioni di rete e altro). L'idea è di creare una piattaforma software open source che possa rappresentare una base comune per il sistema operativo dei droni. Al momento gli sviluppatori coinvolti sono già oltre 1.200.

Sembra un passaggio naturale, considerando che i software usati sui droni in circolazione sono già basati su Linux, e questo comprende tanto i modelli più grandi quanto quelli "da hobby" come i modelli basati su Raspberry Pi. Dronecode sembra quindi un tentativo di armonizzare i molti sforzi in questo campo, facilitare il lavoro di tutti gli appassionati e professionisti del settore e dare ancora più spinta a un movimento che è già fortissimo.

La Fondazione Linux prevede che la piattaforma nata in seno a Dronecode (dronecode.org) andrà a inserirsi in un mercato che entro un decennio varrà quasi 100 miliardi di dollari, e che troverà applicazioni in diversi ambiti, dalla ricerca alla protezione ambientale, dalla gestione delle emergenze al marketing. Un'occasione d'oro quindi, che porterà benefici più che concreti al mondo del pinguino Tux.

Makers: Per una nuova rivoluzione industriale Makers: Per una nuova rivoluzione industriale
La coda lunga. Da un mercato di massa a una massa di mercati La coda lunga. Da un mercato di massa a una massa di mercati
Gratis (24/7) Gratis (24/7)

Alle radici del progetto – come fondatore e AD di 3D Robotics – c'è Chris Anderson, già dirigente di Wired USA, autore di molti libri e in ultima analisi tra i principali fautori della "rivoluzione dei maker". Jim Zemlin, direttore esecutivo della Fondazione Linux, ha dichiarato che "con il passaggio a progetto collaborativo della Fondazione Linux, la comunità di Dronecode riceverà il supporto necessario a un progetto imponente, proprio nel momento della sua esplosione. Ne risulterà un'innovazione ancora più grande e una piattaforma comune per progetti di droni e robot open source".