Tom's Hardware Italia
e-Gov

eIDAS, più facile procurarsi un certificato italiano all’estero che in Italia

Il caso di una ricercatrice italiana che aveva bisogno di un certificato per sostenere un colloquio all'Imperial College: ha risolto con SPID ed eIDAS.

L’interoperabilità tra le pubbliche amministrazioni europee è già realtà grazie all’eIDAS, il regolamento UE per l’identificazione elettronica e i servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno. Termini ostici che sottintendono semplicemente la possibilità di azzerare le distanze attualmente fra 16 paesi europei (compresa l’Italia), dimenticarsi dell’esistenza di polverosi sportelli della pubblica amministrazione e ottenere documenti digitali pronti all’uso.

L’Ufficio Progetto FICEP – Area Trasformazione digitale AgID ieri ha raccontato su Medium il caso emblematico di una ricercatrice biomedica italiana che vive da gennaio a Londra e aveva bisogno di un certificato carichi pendenti (DBS check) per sostenere un colloquio all’Imperial College. Si tratta del certificato rilasciato dalla Procura della Repubblica di un Tribunale che attesta l’esistenza o meno di procedimenti penali in corso, non ancora passati in giudicato. Normalmente, dall’estero, bisognerebbe spedire una domanda cartacea a una Procura, pagare poco meno di 20 euro per il rilascio del certificato e attendere. Oppure recarsi direttamente in Procura, compilare moduli, pagare il dovuto e infine nuovamente attendere diverse settimane.

Francesca Romana Piccioni, la protagonista di questa vicenda, però ha scoperto eIDAS e autenticandosi con SPID sul sito del Governo inglese ha risolto tutto in una settimana. Nello specifico ha effettuato il “login with eIDAS” sul sito gov.uk, inserito le credenziali SPID, digitato il suo National Insurance Number (una sorta di codice fiscale inglese) e l’indirizzo di residenza. Dopodiché, una volta selezionata la richiesta, ha ricevuto un numero di protocollo che ha permesso di tracciare direttamente sul sito del Governo inglese lo stato di avanzamento della pratica.

Come ricorda l’AGID “i Paesi membri dell’Unione che hanno già aderito al nodo sono tenuti a rendere fruibili i loro servizi digitali ai cittadini italiani dotati di SPID, e a partire da settembre 2019, anche a quelli provvisti di carta d’identità elettronica”.

Attualmente i paesi che si sono collegati al nodo eIDAS italiano, realizzato grazie al progetto CEF-FICEP dell’Agenzia per l’Italia Digitale in collaborazione con il Politecnico di Torino, Infocert e Tim, sono: Regno Unito, Slovacchia, Austria, Danimarca, Lussemburgo, Lettonia, Slovenia, Olanda, Malta, Spagna, Estonia, Svezia, Grecia, Belgio e Norvegia. Ma la lista è in progressiva crescita.

Il paradosso italiano

eIDAS ha dimostrato di funzionare ma se un cittadino italiano residente in Italia volesse lo stesso certificato carichi pendenti? Abbiamo scoperto che vi sono tre possibilità, ma nulla veramente efficiente. La prima è quella di recarsi fisicamente in Procura e dirimere ogni questione con incartamenti e bolli. La seconda possibilità è quella di affidarsi a servizi online a pagamento che sfruttano la possibilità di delega. La terza – ed è la via “digitale” offerta dal Ministero – è quella di prenotare il documento sul sito Servizi Online del Casellario Giudiziale e poi ritirarlo in una delle Procure di riferimento segnalate. Il problema è che non tutte consentono la sua specifica prenotazione, ma magari solo il certificato del casellario o la visura. Ad esempio a Torino è possibile prenotare tutto, mentre a Cuneo no. Insomma, li chiamano servizi online ma poi si fa tutto a mano, come ai vecchi tempi.