Telco

Enel sta già parlando con gli operatori per la fibra a prezzi stracciati

Cablare in fibra tutta l'Italia "a costi pazzescamente competitivi". Così si è espresso l'amministratore delegato dell'Enel, Francesco Starace, nell'assemblea di ieri. "Stiamo parlando con tutti gli operatori telefonici e sono abbastanza interessati, perché è una buona idea".

fibra

Com'è risaputo Enel si è detta disponibile ad approfittare del cambio dei contatori elettrici per portare la fibra ottica nelle case degli italiani. Basterebbero 3, 4 o massimo 5 anni. Si parla di "risparmi a livelli estremamente competitivi e convenienti per tutti".

Per altro non c'è nulla da improvvisare poiché l'impiego dei suoi cavidotti da parte degli operatori è già avvenuto nel tempo. Le telco dovrebbero preoccuparsi solo della rete esterna, fuori dai condomini. Considerato che Telecom Italia, Fastweb e Vodafone si stanno già concentrando da tempo sul fiber-to-the-cabinet è evidente che lo sforzo sarebbe compatibile.

"È una cosa che ha senso, ma occorrerà vedere se ci sarà la sostenibilità industriale e finanziaria. I tecnici si stanno parlando in questi ultimi giorni", ha dichiarato Giuseppe Recchi, presidente di Telecom Italia, durante l'assemblea di Confindustria all'Expo.

"È una fase preliminare perché l'infrastruttura è molto complessa e occorrono tempi tecnici per esaminarla a fondo".

Nel frattempo proprio ieri l'Antitrsut argentina ha dato l'ok allo scioglimento di Telco, la holding che controlla Telecom Italia. A breve avverrà il conferimento delle azioni Telecom ai soci Generali, Mediobanca, Intesa Sanpaolo e Telefonica. In linea di massima venderanno le rispettive quote. Telefonica cederà a Vivendi, mentre le altre si sfileranno nei prossimi mesi.