Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
e-Gov

Ethereum, la rivoluzione economica oltre Bitcoin

Pagina 1: Ethereum, la rivoluzione economica oltre Bitcoin

Nota introduttiva: questo articolo è il primo di una nuova serie con cui Tom's Hardware cercherà di esplorare, comprendere e spiegare il fenomeno delle criptovalute. Per farlo la redazione si avvale di un nuovo collaboratore, Andrey Vedishchev, che ha gentilmente offerto la propria competenza alla nostra testata. Questo primo articolo, in quanto introduzione, non ha pretese di completezza. Nelle prossime settimane ne pubblicheremo altre, cercando di rispondere a tutte le vostre domande; a tal proposito, l'area dei commenti è a vostra disposizione.

19650356 10211701114074788 1435434842 o

Si parla di Bitcoin da qualche anno ma di recente il dibattito sul tema si è fatto un po' più acceso. Comprensibile, considerando che in primavera questa criptomoneta ha superato il valore dell'oro. Inoltre BTC, questo l'acronimo usato per indicare i Bitcoin, è tristemente famoso anche per essere la valuta usate per i riscatti del ransomware – famoso il recente caso Wannacry.

Leggi anche Attacco Ransomware Wannacry: tutto finito? Neanche per idea

Il fatto è che Bitcoin è parte integrante, forse anche causa primaria, di una vera e propria rivoluzione culturale, economica e tecnologica iniziata nell'ormai lontano 2009. Da allora sono cambiate molte cose, o per meglio dire si sono evolute; si è venuto a creare un vero e proprio settore industriale. Un settore neonato e in continuo mutamento.

Blockhain, fulcro del cambiamento

È davvero Bitcoin la vera innovazione? Si potrebbe dire di no. Bitcoin è più il dito, ma la Luna è la blockchain. Bitcoin sta infatti alla blockchain come l'email sta ad Internet: la prima non è che una delle applicazioni della seconda.

001

La domanda che a questo punto sorgerebbe spontanea è: "Ma quali sono le altre applicazioni della Blockchain?".

002

Per rispondere bisognerebbe dapprima guardare alla mission di Bitcoin. Quest'ultimo infatti aveva originariamente l'ambizione di portare un'innovazione nel modo con cui le persone si sarebbero scambiate il denaro: il famoso Satoshi Nakamoto diede i natali alla sua creatura proprio mentre l'ultima grande crisi economica iniziava a sconvolgere il mondo. L'obiettivo era realizzare uno strumento impossibile da manipolare, uno strumento anonimo, trasparente, uno strumento che potesse essere riserva di valore e mezzo di scambio per la regolazione di transazioni. Un obiettivo che è stato raggiunto, con luci e ombre.

L'aspetto importante da comprendere è che le criptovalute, delle quali BTC è il rappresentante più famoso, sono una forma di denaro svincolata da banche e stati. Un dettaglio che aiuta a prevenire manipolazioni speculative, ma da solo non basta. Una criptovaluta è basata su un meccanismo matematico che rende molto difficile a chiunque di assumerne il controllo – uno scenario noto come attacco del 51%.

Ethereum

wallpaper homestead

Quello di Bitcoin è dunque un meccanismo solido ma ovviamente migliorabile. E tra i molti tentavi di miglioramento negli ultimi mesi ne è emerso con forza uno. Si tratta di Ethereum, a detta di molti il più serio competitor.

La mission di quest'ultimo è "promuovere e supportare la ricerca, lo sviluppo e la conoscenza necessarie per portare i protocolli decentralizzati e gli strumenti necessari allo sviluppo direttamente nelle mani dei programmatori, così che questi possano realizzare la prossima generazione di app decentralizzate (DApps), e creare con noi una Internet più accessibile, libera e democratica" (da ethereum.org)

Per capire cosa siano le DApps è opportuno fare un piccolo passo indietro, e ripensare a un elemento base di Internet. Vale a dire la relazione client/server. Noi usiamo un dispositivo, diciamo lo smartphone o il PC, per accedere e usare contenuti su un altro computer – il server – che fisicamente può trovarsi ovunque sulla Terra. In effetti più di una, se parliamo di sistemi cloud.

Depositphotos 157059780 l 2015
Immagine: @aa-w / Depositphotos

D'altra parte uno computer moderno sarebbe stato un super-computer solo pochi anni fa, e ne usiamo la potenza solo in parte. Per memorizzare credenziali, salvare file e fare piccole (ma importanti) operazioni di calcolo. In questo modo il servizio è vulnerabile a possibili attacchi informatici: un DDoS (Distributed Denial of Service) potrebbe mettere in ginocchio il server e rendere inaccessibile il servizio al quale desideriamo accedere.

Inoltre i nostri dati sono soggetti ai termini e alle condizioni dell'impresa: Facebook è libera di rivendere al miglior offerente insights riguardanti le nostre abitudini, le nostre passioni. Un vero danno per la privacy, che tuttavia siamo disposti ad accettare per usare il servizio.La Blockchain rappresenta una possibile inversione del paradigma. Non c'è più alcun server centrale, alcun single point of failure. Le applicazioni, le cosiddette "DApps" vengono ora eseguite su tutti i nodi che eseguono le transazioni della Blockchain in una logica peer-to-peer. Non c'è più, dunque, un server da attaccare; ma migliaia, o centinaia di migliaia di "microserver" che nessuno può davvero controllare. L'idea potrebbe risultare famigliare a chi conosce il trasferimento via torrent.