e-Gov

Facebook nuovo scandalo dati all’orizzonte?

Dati di milioni di utenti, raccolti da oltre 1.000 miliardi di post prodotti su Facebook, Instagram, Twitter e altri social network da Crimson Hexagon, società di analisi recentemente sospesa da Facebook proprio a causa di un'indagine. È questo lo scenario di un nuovo possibile scandalo che si sta profilando all'orizzonte, dopo quello di Cambridge Analytica.

A preoccupare però in questo caso specifico non è soltanto la quantità di dati raccolti dalla società di analisi e forse ceduti illecitamente a terzi, ma il fatto che l'azienda sembri essere collegata a Turchia e Russia. Crimson Hexagon infatti non si sarebbe aggiudicata soltanto commesse dall'amministrazione americana ma anche dalla Civil Society Development Foundation, società no profit russa legata al Cremlino, nonché appunto dal governo turco.

102002782 facebook xlarge trans NvBQzQNjv4BqhasgUMiR rxiRxu9qBoVLQpcDfsC seRM lm2nZ7XJA[1]

"Non consentiamo agli sviluppatori di creare strumenti di sorveglianza usando informazioni Facebook o Instagram. Prendiamo in seria considerazione queste affermazioni e mentre indaghiamo, abbiamo sospeso queste app", ha dichiarato un portavoce di Facebook, che però ha anche aggiunto: "Sulla base delle informazioni in nostro possesso fino a questo momento, Crimson Hexagon non ha ottenuto alcun dato Facebook o Instagram in modo inappropriato".

Leggi anche: Tutto quello che Google e Facebook sanno su di te (un sacco)

Uno scenario ancora tutto da verificare dunque ma che una volta di più ci fa riflettere soltanto sul potere che noi abbiamo concesso a queste aziende sulle nostre vite attraverso una diffusa indifferenza alla privacy, ma sul fatto che in realtà tali comportamenti fossero la norma e che Cambridge Analytica non fosse dunque un'eccezione.

facebook corroded

Il portavoce di Facebook ha specificato che nei prossimi giorni è previsto un incontro con gli esponenti della società di analisi proprio al fine di approfondire la questione e capire in che modo siano stati raccolti e gestiti i dati di Facebook e Instagram. Domande che in precedenza Facebook aveva rivolto anche a Cambridge Analytica, ricevendo risposte ampiamente rassicuranti. Zuckerberg e soci avranno imparato a riconoscere le bugie?


Tom's Consiglia

Social Network Analysis è un buon punto di partenza per iniziare a comprendere implicazioni e potenzialità di questa "scienza inesatta" che cerca di profilarci tramite le tracce che lasciamo sul Web.